Live Sicilia

Palermo

Libri, street food e mostre
Gli appuntamenti del weekend


Articolo letto 5.528 volte

Cosa c'è da fare nel fine settimana nel capoluogo siciliano.

VOTA
2/5
1 voto

PALERMO - La selezione di eventi fatta dalla nostra redazione per un week end fatto di ascolto, di lettura ma anche di prelibatezze per tutti i palati. A partire da chi decida di vivere Palermo a passeggio per le vie del centro storico assaporando un po’ di “mussu", o"masciddaru", o "carcagnuolo”. O tutti e tre insieme. Perché il cibo che si mangia con le mani ispira il “passio”, e può ispirare anche la lettura di un buon libro all’aperto, magari rilassandosi su una panchina sotto il sole tiepido dell’ultima decade di aprile. 

Nel cuore del centro storico di Palermo, sabato 22 e domenica 23 aprile si terrà la seconda edizione de La via dei Librai, la manifestazione promossa dall’associazione Cassaro Alto in adesione alla Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore. Un chilometro di passione, di cultura e di amore per i libri e la lettura dai Quattro Canti fino al Piano della Cattedrale. Il Cassaro sarà la cornice di tutti gli eventi che costellano le due giornate di sabato 22 e domenica 23 aprile, in un fitto programma che ha come obbiettivo la promozione della cultura del libro. Due giorni di festa, attività culturali, visite guidate ed esposizioni di libri lungo il Cassaro. All'iniziativa anche quest'anno aderiscono le Biblioteche comunali e l’Archivio storico. Sabato 22 aprile alle ore 10,30 nelle sale dell'Archivio storico, sarà allestita la mostra "Teatri e vita musicale a Palermo (1750-1850). Testimonianze bibliografiche e documentarie", a cura di Eliana Calandra e Antonella Balsano. La mostra sarà visitabile fino al 5 maggio p.v. (dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,30 e il mercoledì anche dalle 14,30 alle 17,30). Sabato 22 e domenica 23 aprile, dalle ore 10 alle 18 è prevista l'apertura straordinaria sia dell'Archivio storico che della Biblioteca comunale con possibilità per i visitatori di usufruire di visite guidate alle ore 10,30, alle 12 e alle 16 previa prenotazione, entro il venerdì mattino precedente, all'indirizzo mail: sistemabibliotecarioearchivio@comune.palermo.it.

Tra gli appuntamenti più attesi c’è quello di domenica 23, alle ore 19, con la presentazione del libro ‘L’impostore’ sulla storia di Giorgio Perlasca, l’uomo che salvò migliaia di persone dallo sterminio nazista. L’autore del libro è il figlio Franco, che sarà presente sul palco del Piano della Cattedrale. Lo intervisterà la giornalista Elvira Terranova. 

EVENTI GASTRONOMICI. Palermo ospita il Palermo Street Food Fest, il primo Festival Internazionale del Cibo di strada. Il centro storico della città siciliana si trasformerà in un villaggio gastronomico a cielo aperto, in cui i migliori chef, provenienti da tutte le parti del mondo, prepareranno a vista le più eccellenti prelibatezze di street food dei loro paesi d’origine. Fino al 23 aprile tra via Roma, Piazza Sant’Anna, piazza San Domenico e Piazza Croce dei Vespri, si alterneranno artisti e concerti, cooking show, wine tasting e work shop. Per info: www.palermostreetfoodfest.it/programma/

MOSTRE. A Palazzo Sant’Elia, in via Maqueda a Palermo, visitabile fino al 3 maggio (dal martedì al venerdì, dalle 9,30 alle 18, sabato e domenica dalle 9,30 alle 13,30, con ingresso libero) la mostra che racchiude i 50 lavori scelti tra coloro che hanno partecipato al contest “Immaginario Arabo-Normanno”, lanciato dalla Fondazione patrimonio Unesco Siciliana. In tutto sono giunti 186 elaborati, tra scatti, video, disegni, modelli, studi di mosaici, persino una ricetta ed un gioco di ruolo. Tutti hanno cercato di descrivere al meglio la bellezza dei nove monumenti (7 di Palermo più le cattedrali di Monreale e Cefalù) che dal 2015 fanno parte del percorso arabo normanno riconosciuto dall’Unesco. Esposti anche gli elaborati presentati da dieci scuole, scelte tra le trenta che hanno partecipato al contest. 

Inaugura domenica 23 aprile alle ore 12, presso il Museo Civico di Castelbuono, Schiuma di mare e Attorno. Nuovo percorso. 1905 – 2017. La rilettura della collezione di arte contemporanea, nata nel 1997 dalla donazione Di Piazza, di un corpus di dipinti che comprende opere di Josè Ortega, Mario Schifano, Bruno Caruso, Corrado Cagli e Mario Bardi che in vent’anni si è arricchita con acquisizioni e produzioni legate alle mostre temporanee, tra cui le opere di Alessandro Bazan, Francesco De Grandi e Benny Chirco. Negli ultimi tre anni, sotto la direzione artistica di Laura Barreca, la programmazione espositiva del Museo di Castelbuono ha guardato con interesse alla storia locale e all'identità mediterranea invitando artisti internazionali a creare e a condividere immagini e visioni. Fra questi, figurano i lavori di Riccardo Benassi, Calogero Cammalleri, Sandro Scalia, Luca Trevisani, Seb Patane, Letizia Battaglia, Mimmo Cuticchio, Desideria Burgio, Carlo e Fabio Ingrassia, Fonte & Poe, Laboratorio Saccardi, Manfredi Beninati e Salvatore Arancio che, dopo la sua ultima personale a Castelbuono, è stato invitato alla 57° Biennale d’Arte Internazionale di Venezia.

Affianca il nuovo allestimento museale la mostra temporanea di Lisa Rampilli (artista e designer milanese che ha collaborato con Gucci, Frette, Galleria Luisa delle Piane e Pomellato) che, ispirata dalle preziose decorazioni in stucco del Serpotta della Cappella Palatina del Castello dei Ventimiglia, ha realizzato una collezione di foulard in seta in edizione limitata. Museo Civico - Castello dei Ventimiglia, Piazza Castello – Castelbuono (PA). Info: 0921.671211 – www.museocivico.eu Biglietto: intero € 4,00; ridotto € 2,00. ORARIO INVERNALE (dal 1 settembre fino al 21 giugno) dal lunedì al venerdì: 9.30 > 13 / 15.30 > 19 . Sabato e domenica: 10 > 13.30 / 15.30 > 19. ORARIO ESTIVO: (dal 22 giugno al 31 agosto) dal lunedì al venerdì: 9.30 > 13 / 16.30 > 20. Sabato e domenica: 10 > 13.30 / 16.30 > 20

“Novecento italiano. Una storia” a Palazzo Reale, dal 25 marzo al 31 agosto 2017. La mostra ospitata nelle Sale Duca di Montalto di Palazzo Reale presenta un racconto che vuole mostrare la grandezza del nostro patrimonio creativo attraverso un viaggio in cui ogni tappa è una storia esaltante che vede protagonisti alcuni tra i più grandi artisti del XX secolo. Si tratta di un’esposizione di sessanta quadri, otto sculture di quarantaquattro autori che possono, a ragione, essere considerati i manifesti delle loro correnti di riferimento. Sono almeno quindici i movimenti artistici rappresentati in questa esposizione: si va dal Ritorno al mestiere all’Idealismo, passando per la Metafisica del quotidiano, il Realismo magico, la Scuola romana, il Gruppo forma; e ancora l’Onirismo siderale, gli Italien de Paris, il Primordialismo plastico, la Scuola di via Cavour e il Gruppo di Piazza del Popolo. Lunedì/Sabato dalle ore 8,15 alle ore 17,40 (ultimo biglietto ore 17,00). Domenica e festivi dalle ore 8,15 alle ore 13 (ultimo biglietto ore 12,15) Sabato, domenica e festivi la mostra "Novecento Italiano. Una Storia" resterà aperta fino alle ore 21 (ultimo biglietto ore 20). Costo biglietto 6 euro.

Da Palermo a Catania una gita fuori porta per gli amanti di Escher, in mostra fino al 17 settembre 2017. Presso il Palazzo della cultura di Catania, via Vittorio Emanuele II, 121, da lunedì a venerdì dalle ore 10 alle 20. Sabato dalle ore 10 alle 24. Domenica dalle ore 10 alle 20 (la biglietteria chiude un’ora prima). Costo del biglietto euro 12.

TEATRO. Al Teatro Biondo di Palermo va in scena “La scuola” di Domenico Starnone, con Silvio Orlando e con Vittoria Belvedere, Vittorio Ciorcalo, Roberto Citran, Roberto Nobile, Antonio Petrocelli, Maria Laura Rondanini.
 Regia di Daniele Luchetti. Il testo è tratto dalla produzione letteraria di Domenico Starnone. Siamo in tempo di scrutini in IV D. Un gruppo di insegnanti deve decidere il futuro dei loro studenti. Di tanto in tanto, in questo ambiente circoscritto, filtra la realtà esterna. Dal confronto tra speranze, ambizioni, conflitti sociali e personali, amori, amicizie e scontri generazionali, prendono vita personaggi esilaranti, giudici impassibili e compassionevoli al tempo stesso. Il dialogo brillante e le situazioni paradossali lo rendono uno spettacolo irresistibilmente comico e allo stesso tempo di grande densità. Il 21 e 22 aprile alle ore 21 e il aprile 23 alle ore 17,30.