Live Sicilia

Palermo

Tragico incidente: muore a 6 anni
Rabbia e disperazione in ospedale


Articolo letto 178.243 volte
, Cronaca, Palermo
Il luogo dell'incidente in cui ha perso la vita una bambina di 6 anni (Foto Lo Verso)

Lo scontro tra due veicoli, fra le vie Arcoleo e Morso, a Palermo VIDEO FOTO


PALERMO - La sua bambina non c'è più. È morta in un incidente stradale. Non aveva neppure compiuto sette anni. Le urla del padre, Massimo Mazzola, sono strazianti. La madre è ricoverata al Policlinico.

L'impatto è avvenuto fra le vie Giorgio Arcoleo e Salvatore Morso, nella zona di corso Tukory, a Palermo. CLICCA QUI PER GUARDARE LA FOTOGALLERY DAL LUOGO DELL'INCIDENTE. Gli agenti della polizia municipale stanno ricostruendo la dinamica dell'impatto. Due donne - Caterina Mazzola e Oliva Calì - cognate, viaggiavano a bordo di una Golf. È questa la macchina su cui sedeva, nel lato passeggero e in braccio alla madre, la piccola Giulia. La zia della bimba è incinta.

L'altra auto, una Hyundai I20 su cui viaggiavano due coniugi sessantenni di Santa Flavia, proveniva da una strada con il segnale di dare precedenza e ha impattato la Golf. Al volante c'era il sessantenne Francesco Roccapalumba. La Procura della Repubblica ha avviato un'inchiesta per capire cosa sia accaduto. Vengono valutate le posizioni di titti i protagonisti dell'incidente. Il rispetto della precedenza e il fatto che la bimba si trovvase in braccio alla mamma sono i primi punti da chiarire.  GUARDA IL VIDEO DAL LUOGO DELLO SCONTRO

Gli airbag esplosi per la violenza dell'impatto. Quando sono intervenuti i soccorsi, la piccola Giulia si trovava per terra, fuori dall'abitacolo. Inutili i tentativi di rianimarla, così come la corsa al vicinissimo ospedale Civico. Non c'è stato nulla da fare. Ferita anche la madre della bambina.

In ospedale scene di rabbia e dolore. Si sono radunate un centinaio di persone fra amici e parenti della piccola. I carabinieri e i poliziotti presidiano il pronto soccorso. Viene chiamato un prete per cercare le parole giuste nel tentativo di consolare il padre Massimo che di professione fa il muratore. Si appartano in una stanza non lontana dall'ingresso del Pronto soccorso. Quando esce Massimo urla il nome della sua bambina. "Giulia, giulia...".