Live Sicilia

Palermo e Messina

Il ritorno del Dalai Lama
Due tappe siciliane a settembre


Articolo letto 2.646 volte
, Messina
Il Dalai Lama

Il leader spirituale del Tibet e Premio Nobel per La Pace, nell'Isola dal 16 al 18 settembre.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Il Dalai Lama ritorna a Palermo. A distanza di oltre vent'anni da quella visita che lo vide giungere su invito del comune di Palermo, Sua Santità il XIV Dalai Lama Tenzin Gyatso, leader spirituale del Tibet e Premio Nobel per La Pace, sarà in Sicilia dal 16 al 18 settembre, prima a Messina e poi a Palermo. La visita fa parte del tour italiano che porterà il Dalai Lama anche in Toscana, a Firenze e Pisa. Era il maggio 1996 quando Sua Santità giunse a Palermo, accolto dal sindaco Leoluca Orlando, allora al suo secondo mandato, che gli consegnò la cittadinanza onoraria. Al suo fianco, Richard Gere presentò la sua mostra fotografica sul Tibet, e insieme parteciparono ad un convegno sui diritti umani.

La visita a Palermo è organizzata dal comune di Palermo con la collaborazione di Nadia Speciale per Barbera & Partners e del Ven. Massimo Stordi per associazione Sangha Onlus, con la partecipazione e il valido sostegno del Centro buddista Muni Gyana che pochi mesi fa ha trovato una casa a Pizzo Sella in un bene confiscato alla mafia e assegnato proprio dal Comune di Palermo. Oggi è in città il responsabile del Tibet Bureau di Ginevra, mr. Ngodup Dorjee, che sta vagliando le location proposte dal Comune. E' infatti prevista una grande affluenza - in ottobre a Milano sono giunte 25.000 persone da 46 Paesi differenti - e la macchina organizzativa si è già messa in moto. Si potranno seguire le notizie sulla visita di Sua Santità in tempo reale, su una pagina Facebook creata ad hoc e sul sito del Comune. La mattina del 18 settembre è prevista una conferenza pubblica del Dalai Lama sull'Educazione alla gioia. "La presenza del Dalai Lama è un evento storico - ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando - ma segna anche il "ritorno a casa" di un palermitano d'eccezione; ed è un privilegio poterlo accogliere nella nostra città, così come oggi appare al mondo, rigenerata e luogo di pace". (ANSA).