Live Sicilia

Palermo

Mondello, schianto alla fermata
Muore in moto a sedici anni


Articolo letto 67.988 volte
grave ragazzo di 16 anni palermo, incidente moto mondello, incidente stradale mondello, incidente stradale palermo, incidente stradale valdesi, ospedale civico, Cronaca, Palermo
Fabrizio Ruffino e la sua moto

L'incidente in via Margherita di Savoia. Il giovane è spirato a Villa Sofia. La FOTO

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Non ce l'ha fatta. Un ragazzo di 16 anni, Fabrizio Ruffino, è morto all'ospedale di Villa Sofia dopo che stamattina si era schiantato con la sua moto contro una pensilina dell'Amat tra Valdesi e Mondello. A soccorrerlo sul luogo del tragico impatto gli operatori del 118 che l'hanno trasportato d'urgenza al Trauma center dell'ospedale di via Croce Rossa.

Si risolve in tragedia, dunque, l'ennesimo incidente stradale a Palermo. Il ragazzo era rimasto gravemente ferito e operato d'urgenza a Villa Sofia. Le sue condizioni sono apparse subito disperate ai medici che hanno dovuto fare i conto con un forte trauma toracico che ha compromesso un polmone e un problema a una gamba. Nel pomeriggio, intorno alle 17, il decesso.

Il tragico impatto si era verificato intorno alle 7.30 del mattino in via Margherita di Savoia, tra Valdesi e la piazza di Mondello. Secondo una prima ricostruzione Fabrizio Ruffino, mentre si stava recando a scuola, avrebbe perso il controllo della sua Yamaha R125 finendo la sua corsa contro la struttura in ferro dove, per fortuna, nessuno stava attendendo il passaggio dell'autobus. Il ragazzo, che avrebbe compiuto 17 anni il prossimo 22 ottobre, è stato subito soccorso dagli uomini del 118 e si trovava, in gravi condizioni, al Trauma center dell'ospedale Villa Sofia. Poi, la notizia tragica: non ce l'ha fatta.

Si tratta della quindicesima vittima della strada in questo maledetto 2017 per le strade del capoluogo siciliano. Tra questi ci sono anche le tre vittime che hanno tristemente segnato una settimana nera nel capoluogo siciliano nella coda del mese di aprile: a rimanere uccisi in seguito ad impatti violentissimi la piccola Giulia Mazzola, morta a soli sei anni in un tamponamento nella zona del Policlinico, Calogero Amico, 31 anni e Giuseppe Gambino, 33 anni. Tre giovani vite spezzate alle quali oggi si aggiunge Fabrizio Ruffino, morto a soli 16 anni mentre stava andando a scuola.