Live Sicilia

Le amministrative di Palermo

Mare, periferie, pedonalizzazioni
Il programma di Orlando


Articolo letto 5.380 volte
Il sindaco Leoluca Orlando alla presentazione delle liste a sostegno della sua candidatura

In distribuzione da oggi la brochure del sindaco uscente con la sua ricetta per la città.


PALERMO - E' in distribuzione da oggi il programma elettorale di Leoluca Orlando per il governo della città. Un "giornale" di 12 pagine nel quale diversi temi sono trattati con un rimando continuo fra passato, presente e futuro. Il filo che unisce il ragionamento di Orlando è riassunto nel suo "corsivo" di copertina, intitolato "Dove eravamo? Dove vogliamo andare", accompagnato da quattro temi di punta del programma: Il mare e la costa (simboleggiate dalla Costa sud), le periferie (simboleggiate dal campetto di calcio realizzato allo ZEN), le pedonalizzazioni e la legalità (simboleggiati dalla "liberazione" di Piazza San Domenico) e la città vivibile e sostenibile (simboleggiata dal Parco della Favorita).

In particolare su quest'ultimo tema, Orlando afferma che "la Favorita non è solo un’area verde, ma anche un luogo che restituisce la possibilità di stare insieme, godendo di attività sportive, culturali e sociali. La Favorita non è solo un parco, ma anche è simbolo di come si possa costruire splendidi progetti quanto il Comune è vicino alle associazioni, ai cittadini e alle altre istituzioni. Nel 2012, il Parco era abbandonato e le sue strutture sportive anche sequestrate. Oggi è un luogo di festa, sport e socialità per tutti e di tutti". Rispetto al futuro, che lascia presagire la volontà di una sempre maggiore fruibilità da parte dei cittadini in collaborazione con le associazioni, la proposta di Orlando è quella di creare "un Ufficio di coordinamento guidato da un Sovrintendente, affiancato dai cittadini e associazioni per seguire la programmazione delle attività di fruizione e le collaborazioni necessarie, perché l'uso civico del Parco sia sempre più stabile e costante". Nel programma, altri due espliciti riferimenti al tema delle aree verdi.

 NUOVI PARCHI GIOCO E AREE VERDI IN CITTA'. Nel 2012, in tutta la città c’erano tre parchi gioco, vecchi e vandalizzati. Con fondi comunali, in questi anni è stato preparato un piano per realizzare numerose aree gioco in tutti i quartieri. Alcune sono anche attrezzate con giochi fruibili da bambini con disabilità. In particolare sono 26 le aree già installate con giochi e arredo: in via Padre Kolbe, a Romagnolo, in piazza Acquasanta, all’Arenella, a Vergine Maria, a piazza Beccadelli a Sferracavallo, a Tommaso Natale, villa Niscemi, ai Danisinni presso Sant’Agnese, in via Mulè, via Diaz, nel piazzale pedonale presso casa Padre Puglisi, villa Trabia, villa Sperlinga, case Rocca, viale Praga, via Tricoli, via Di Salvo, Zisa, via Pitrè, Bonagia, Indipendenza, ZEN, Uditore, Roccella. Accanto alle aree attrezzate per i più piccoli, molte altre zone verdi sono state recuperate ed attrezzate oppure hanno i lavori in corso: via Trabucco, via Verdinois, piazza P.pe di Camporeale, Largo Gibilmanna, piazza Lolli, senza dimenticare il supporto dato alla creazione del “Parco della salute” al Foro Italico.

IL VERDE RISCOPERTO. Uno straordinario patrimonio di aree verdi per troppi anni è stato abbandonato. La rinascita della Favorita è il punto di arrivo di un percorso avviato nel 2012, partendo da una situazione di incuria totale, e sviluppato con un’azione complessiva di manutenzione e valorizzazione che ha coinvolto associazioni, privati ed istituzioni. Un percorso certamente non ancora concluso soprattutto perché dobbiamo garantire che al più presto riapra il Parco Cassarà e sia aperto un nuovo Parco a Villa Turrisi. Per la Favorita sarà istituita la figura del Sovrintendente, affiancato da cittadini e associazioni per seguire la programmazione. Il modello collaborativo fra privati e Comune si è esplicitato anche al Parco Uditore, dove abbiamo supportato il comitato di cittadini che con entusiasmo lo ha restituito alla fruizione pubblica. Un modello che speriamo di replicare presto a Villa Turrisi dove vogliamo liberare un’area occupata dai privati e creare un nuovo parco. Un importante intervento ha riguardato Villa Giulia e Giardino Inglese con i rispettivi patrimoni arboreo e monumentale che erano in condizioni di abbandono. Le statue della Villa e le fontane del Giardino stanno tornando al loro splendore in un piano di riqualificazione complessiva. L’Orto Botanico e Villa Malfitano sono due veri gioielli della città. Anche se non sono del Comune, siamo intervenuti quando necessario per la manutenzione del verde, rendendoli più fruibili da parte dei cittadini. Palermo ha tre riserve naturali, anche se spesso lo dimentichiamo. Oltre a Monte Pellegrino, Palermo ospita infatti quella di Capo Gallo e quella dell’Area marina protetta. L’Amministrazione si è fatta promotrice di incontri e tavoli tecnici fra tutti gli enti interessati, per individuare forme di conoscenza, valorizzazione e fruizione. A giorni firmeremo un protocollo perché il faro di Capo Gallo diventi un Museo del Mare. 

Monte Pellegrino ha subìto danni gravissimi dagli incendi. Il Comune ha supportato l’ente gestore della riserva, per mettere in sicurezza e ripristinare l’accessibilità. Abbiamo avviato un piano di piantumazione di nuovi alberi e abbiamo fatto investimenti per decine di milioni per la messa in sicurezza dei costoni rocciosi. Nel PRG è previsto di realizzare un impianto di risalita a basso impatto su un percorso pre-esistente, per ridurre l’accesso veicolare in linea con la vocazione naturale dell’area. In questi anni abbiamo lavorato in silenzio per la riapertura del Parco Cassarà. Avevamo fatto un piano per farne un “Bosco urbano” con 10.000 nuovi alberi, ma tutto è stato bloccato dalla scoperta di inquinanti in superficie e nel sottosuolo. Abbiamo lavorato per trovare le risorse per la bonifica e da poco è terminata la rimozione dell’amianto in superficie. Ora si procederà a nuove indagini sul sottosuolo per verificare se almeno una parte del parco possa essere aperta al pubblico".