Live Sicilia

TRAPANI

"Sgomento" nell'entourage di Fazio
Le redini in mano ai due fedelissimi


Articolo letto 11.874 volte
arrestato fazio, campagna elettorale fazio, fazio arrestato, fazio campagna elettorale, francesco salone, riccardo saluto, Trapani, Politica
L'inaugurazione della campagna elettorale di Fazio.

Il diktat dal quartier generale dell'ex sindaco è chiaro: "Come D'Alì, anche noi andiamo avanti".

VOTA
1/5
1 voto

TRAPANI - Un iniziale "sgomento", cui ha fatto seguito "la voglia di andare avanti comunque" in una campagna elettorale azzoppata. È l'altalena di umori che si respira nell'entourage di Mimmo Fazio, il deputato regionale trapanese, candidato a sindaco alle Amministrative di giugno, finito agli arresti questa mattina con l'accusa di corruzione. Fazio avrebbe dovuto partecipare nel pomeriggio a un confronto con gli altri candidati presso il seminario vescovile: non ci sarà, ma il suo staff sta mettendo a punto un comunicato che verrà diffuso in sala. Nelle prossime ore la riflessione finale sul da farsi, che spetterà soprattutto a Fazio, ma intanto il diktat che viene fuori dal quartier generale dell'ex sindaco è chiaro: "Così come hanno deciso i sostenitori di D'Alì, anche noi andiamo avanti".

A prendere le redini del gruppo in queste ore sono due fedelissimi di Fazio: Riccardo Saluto, presidente dell'associazione Uniti per il futuro, che è anche il nome di una delle cinque liste a sostegno di Fazio, e Francesco Salone, consigliere comunale uscente e braccio operativo del deputato in città. "Nel rispetto dei candidati, ne abbiamo un centinaio sparsi tra 5 liste civiche, andiamo avanti, più compatti di prima", dice all'Ansa Riccardo Saluto. "A caldo - aggiunge - questa è la nostra decisione".

La campagna elettorale, dunque, va avanti: il provvedimento restrittivo a cui è stato sottoposto Fazio non preclude la candidatura ma le prossime ore, con l'interrogatorio di garanzia, saranno decisive.