Live Sicilia

Rapporti con l'Asia

Sicilia fuori dalla via della Seta
Interrogazione di Romano


Articolo letto 6.151 volte
, Economia

Proteste anche dei grillini.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - 'Con una mia interrogazione odierna al ministro dei Trasporti Delrio ho chiesto il motivo della mancata inclusione del porto di Palermo tra gli hub portuali in grado di intercettare i flussi provenienti dall'Asia". Lo scrive Saverio Romano, capogruppo di Scelta Civica-Ala alla Camera dei Deputati. "Nel suo recente incontro, a Pechino, con il presidente della Repubblica cinese, il Premier Paolo Gentiloni ha posto l'accento sulla centralità del Mediterraneo e dei suoi porti come terminale della via della Seta - dice Romano -. Ebbene, nonostante questa precisa indicazione strategica, sono state fatte altre scelte, come quella di Venezia, di Trieste e di Genova. In questa strategia politico-commerciale manca il Mezzogiorno, manca la Sicilia, manca Palermo e il suo porto. La Sicilia è infatti una vera piattaforma naturale e il Mediterraneo un nodo centrale per i flussi commerciali. Spiace constatare questa diversità di vedute tra un premier e un suo ministro, cosi come addolora una scelta cosi penalizzante per il Meridione e per la Sicilia'.

Il governatore Rosario Crocetta ha parlato di una scelta incomprensibile per l'esclusioni dei porti siciliani. Sul tema si erano pronunciati nei giorni scorsi anche i grillini: “L’esclusione della Sicilia dalla Via della Seta conferma, qualora ce ne fosse il bisogno, che la Sicilia è stata trattata da questo governo sempre come la periferia dell’impero, di cui ricordarsi solo per le le tasse, le passerelle e le finte inaugurazioni in prossimità di una scadenza elettorale. E tutto questo con la complicità di un esecutivo regionale senza nerbo e senza nessuna autorevolezza che ha permesso a Renzi, prima, ed ora a Gentiloni, di relegalare la nostra isola al rango di colonia, ignorando, la sua pozione strategica al centro del Mediterraneo – così i deputati del M5S all’Ars – avrebbe dovuto appuntarsi su Augusta per la sua indiscussa posizione strategica. Se questo non è avvenuto ci saranno motivazioni profonde che noi sconosciamo. Speriamo soltanto che alla base di queste non ci sia quella che vede una amministrazione 5stelle alla guida di quella città”.