Live Sicilia

Le amministrative di Palermo

Il flop di Francesco Benigno VIDEO
"Siete delle vergognose bestie"


Articolo letto 44.717 volte
francesco benigno candidato, risultato francesco benigno, video benigno, Politica
L'attore Francesco Benigno

L'amaro sfogo dell'attore candidato tra le file di Ismaele La Vardera e che ha ottenuto 143 voti.

VOTA
1.5/5
2 voti

PALERMO – “Siete delle vergognose bestie”: Francesco Benigno, attore reso celebre dal film “Mery per sempre” di Marco Risi e candidato al consiglio comunale, non accetta il risultato ottenuto alle elezioni dell’altro ieri. L’attore, che dopo un iniziale sostegno a Fabrizio Ferrandelli era passato tra le file di Ismaele La Vardera, ha ottenuto 143 voti, ben al di sotto delle sue aspettative, e si è sfogato in un messaggio sul suo profilo Facebook.



“Fatti tutti i conti – si legge nel messaggio dell’attore - considerando che noi siamo 13 figli, tutti accompagnati, con almeno due figli maggiorenni, suoceri, zii cugini, nipoti, parenti, amici stretti ecc. ecc. A questo aggiungete 70 mila fan in questa pagina, di cui 30 di Palermo, tutti a chiedermi di non mollare, dirette con 65 mila visualizzazioni, migliaia di mi piace, tante denunce fatte di cittadini in seria difficoltà, ospitate in emittenti nazionali e regionali, grandi mercati di Palermo, tutti a tifare per me; i commercianti, esperti, storici di politica che scommettono con me che non prenderò meno di 3000 mila voti e te ne trovi 150?”.

Benigno poi avanza i suoi sospetti sul voto: “Avevate paura di me e come vi annunciavo nella mia ultima diretta che avevo paura di fregature eccoli puntuali a fottermi e secondo voi io ho preso 156 miseri voti???”. L’attore ha ottenuto in effetti 143 voti. Già la sera del voto Benigno, in un video messaggio sul Facebook, aveva ironizzato amaramente sul risultato delle elezioni: “Complimenti vivissimi all’amministrazione che ha vinto e ai consiglieri che hanno raddoppiato i voti. Questo vi deve fare capire tutto: viva Palermo, viva i palermitani. Ora si torna alla vita normale”.