Live Sicilia

Il delitto

Il prof assassino
Così li ha massacrati


Articolo letto 32.383 volte
Stefano Perale sorridente in una foto (dal web)

La cronaca di un orribile omicidio. Con invito a cena. E lei era incinta.

VOTA
4/5
1 voto

Un duplice omicidio. Una storia orribile. Una violenza cieca. La notizia era già trapelata, ma altri particolari la rendono ancora più agghiacciante, se possibile.

Una cena tranquilla con delitto

La storia comincia con una cena tra amici, a Mestre, qualche giorno fa. Le vittime sono un giovane ingegnere napoletano di 31 anni, Biagio Junior Buonomo, e la sua fidanzata russa di 30, Anastasia Shakurova. Li ha uccisi l'ex compagno di lei, Stefano Perale, 50 anni, un professore. E li ha uccisi a casa sua, dopo un invito a cena.

La telefonata dopo l'orrore

Lo stesso prof, dopo il delitto, ha chiamato, in stato confusionale, la polizia e ha ammesso: "Venite ho ucciso due persone". Secondo una prima ricostruzione, l'uomo ha fatto bere alla coppia una sostanza narcotizzante, mescolata alle bibite servite a tavola, e poi ha massacrato i due giovani, soffocando lei e massacrando lui a sprangate. Il giovane Biagio avrebbe cercato di difendersi, benché stordito, ma sarebbe stato finito implacabilmente.

Il movente passionale?

Il movente dell'orribile delitto sarebbe passionale, ma non c'è la certezza, anche perché si attendono conferme. La donna e il prof avrebbero avuto una relazione che poi era finita, ma erano rimasti in buoni rapporti. La ragazza aveva trovato un nuovo compagno ed era incinta di cinque mesi. Il difensore di Perale, l'avvocato Matteo Lazzaro, ha riferito che nel primo interrogatorio il suo assistito si è avvalso della facoltà di non rispondere. "E' molto provato per l'accaduto, molto stressato".