In 18 sono finiti in carcere, gli altri dieci ai domiciliari