Live Sicilia

A BARRAFRANCA

Commerciante ucciso nell'Ennese
Finito con un colpo al viso


Articolo letto 33.722 volte
barrafranca omicidio morto filippo marchì, barrafranca ucciso filippo marchì, barrafranca ucciso venditore auto, barrafranca uomo ucciso, filippo marchì barrafranca, omicidio barrafranca, uomo ucciso barrafranca, Cronaca, Enna
(Foto di repertorio)

Una modalità che fa propendere gli investigatori per la pista mafiosa. IL NOME.

VOTA
0/5
0 voti

BARRAFRANCA (ENNA) - Un commerciante di auto di 48 anni, Filippo Marchì, sposato e padre di due figlie, è stato ucciso con alcuni colpi di arma da fuoco nella campagna di sua proprietà, a Barrafranca. Dieci anni fa, la vittima era stata definitivamente assolta da un'accusa di omicidio.

L'uomo, noto in paese per essere un importante venditore di auto usate, abitava con la famiglia sulla strada provinciale che collega Enna a Barrafranca; è stato colpito mentre stava lavando l'auto nel suo appezzamento di terreno, di fronte l'abitazione. A dare l'allarme la moglie e la figlia della vittima che hanno sentito gli spari.

Secondo le prime informazioni, sarebbe stato raggiunto da una o più rose di pallettoni sparati da almeno un fucile a canne mozze, anche se ancora non ci sono conferme sul tipo di armi utilizzate. Dopo essere stato raggiunto da alcuni proiettili, è stato finito con un colpo d'arma da fuoco in pieno volto che gli ha sfigurato il viso. Una modalità che fa propendere gli investigatori per la pista mafiosa. Sono intervenuti i carabinieri e il sostituto procurato della Dda di Caltanissetta Santi Roberto Condorelli.

Era sfuggito 22 anni fa a un agguato, rimanendo illeso mentre la moglie Maria Stelletta che era con lui fu gravemente ferita. Era il 21 luglio quando i sicari, nel 1995, spararono colpi di pistola e fucile contro l'auto sulla quale viaggiava la coppia, in un tratto di strada vicino a Barrafranca.

Nel 2001 Marchì fu accusato di avere ucciso un imprenditore del settore movimento terra a Barrafranca, trovato morto in auto sulla strada provinciale Enna-Barrafranca; Marchì aveva avviato un procedimento per ingiusta detenzione e chiesto un risarcimento al ministero della Giustizia di oltre mezzo milione di euro dopo l'assoluzione in primo e secondo grado, non impugnata dalla Procura. Quel delitto del 2001 è rimasto irrisolto. (ANSA)