Live Sicilia

L'evento

Gangi e la memoria
Record di presenze


Articolo letto 1.470 volte
VOTA
0/5
0 voti

Settima edizione con il record di presenze a Gangi per "Memorie e Tradizioni", l'evento organizzato con Slow Food Sicilia e dalla condotta Alte Madonie, con l’Asd Città di Gangi, il sostegno del Comune di Gangi e della Bcc “Mutuo Soccorso” e la collaborazione di numerose associazioni locali come la Pro Loco, la Fidapa e l’Associazione degli Anta.

Ieri il debutto con tantissimi visitatori che hanno affollato vie e vicoli di Gangi dove è stato allestito il percorso che ha proiettato i partecipanti nei tempi antichi, alla riscoperta delle eredità lasciate da chi, nei secoli scorsi, ha abitato queste terre. Un percorso in cui i visitatori non solo hanno potuto ammirare gli antichi mestieri di una volta, ma anche ripercorrere la vita dell'antica cultura contadina, dei giochi dei bambini all'aria aperta, la scuola, le feste, i riti religiosi e, soprattutto, il cibo. Perché durante il percorso sono state offerte tante degustazioni, dalla ricotta fresca al pane fatto in casa, passando per i formaggi, il macco di fave e la pasta con il sugo e la carne e l'immancabile liquore fatto in casa. Un vero tuffo nel passato curato dagli organizzatori nei minimi dettagli.

"Siamo davvero soddisfatti di quello che è diventato questa manifestazione - dice il sindaco di Gangi Francesco Migliazzo - Ringrazio gli organizzatori che hanno creduto in questo progetto destagionalizzando l'offerta turistica nella nostra cittadina".

"Siamo seduti sull'oro e ancora non siamo consapevoli di quello che possono dare questi luoghi - dice Giuseppe Ferrarello, assessore al Turismo - Sono manifestazioni simili che permettono di esportare il brand "Gangi" non solo in Italia, ma anche all'estero". "Dietro c'è un lavoro intenso - dice Peppe Ballistreri, uno degli organizzatori - Ora è un ingranaggio ben oliato. Adesso nuove cose? Vedremo".

"Sono cinque i presidi delle Alte Madonie tutelati da Slow Food, cinque prodotti che meritano di essere conosciuti - dice Carmelo Giunta, responsabile della condotta Slow Food Alte Madonie - I produttori delle Madonie hanno capito che per fare bene, bisogna fare rete e sistema. E manifestazioni come queste servono anche a questo".

Complessivamente, nel Parco delle Madonie si trovano sette presidi: Albicocca di Scillato, Cipolla paglina di Castrofilippo; Fagiolo Badda di Polizzi Generosa; Lenticchia di Villalba; Manna delle Madonie; Peperone di Polizzi Generosa; Provola delle Madonie.