Live Sicilia

SIRACUSA

La rabbia del "popolo inquinato"
Il Petrolchimico fa ancora paura


Articolo letto 4.447 volte
flash mob siracusa, inchiesta petrolchimico siracusa, protesta tribunale siracusa, sit in siracusa, Cronaca, Siracusa
(Foto Massimiliano Torneo)

La protesta davanti al tribunale a sostegno dell'inchiesta della Procura.

VOTA
0/5
0 voti

SIRACUSA - Cinque minuti di applausi e un minuto di silenzio dimostrativi. È il flash mob del 'popolo inquinato' andato in scena stamattina davanti al tribunale di Siracusa a sostegno della Procura nelle delicate indagini su Petrolchimico e inquinamento. E su inquinamento e malattie. Presente Don Palmiro Prisutto, l'arciprete di Augusta che da tre anni, una volta al mese, celebra una messa per i morti di cancro. Circa duecento persone, reclutate con un tam tam di pochi giorni in rete, si sono via via radunate a qualche centinaio di metri dal Palazzo di giustizia, che hanno poi raggiunto attraverso un corteo silenzioso.

Ai manifestanti è arrivato l'apprezzamento del procuratore capo Francesco Paolo Giordano per quanto accaduto stamattina davanti al tribunale: “Ho apprezzato molto questo movimento di opinione spontaneo dei cittadini del territorio e sono grato per l'iniziativa di sostegno alle attività dell’ufficio che testimonia il buon lavoro fin qui fatto e comunque le attività intraprese vanno avanti doverosamente”.

L’antefatto: i fatti giudiziari che hanno portato il gip del tribunale aretuseo a firmare, su richiesta della Procura, il decreto di sequestro preventivo per tre stabilimenti Esso e Isab nella zona industriale di Priolo-Augusta, accusati di inquinamento dell’aria. I vertici sono indagati per disastro ambientale colposo.

Presenti al flash mob anche persone, e familiari di persone, malate di cancro e mamme di bambini nati malformati a Augusta. Nel 2000 l’incidenza di quest’ultimo fenomeno a Augusta era del 5,6%, a confronto con una media nazionale intorno al 3%. "Oggi – secondo il parroco – si ha meno contezza del fenomeno nella città megarese perché il reparto di ostetricia è stato chiuso e si partorisce a Lentini”. Le ragioni della manifestazione elencate dagli organizzatori, movimento civico nato in rete: "Per dire basta veleni. Per chiedere giustizia per i morti e gli ammalati di cancro e per manifestare fiducia e sostegno alla magistratura indipendente".

Rispettata la richiesta a politici e amministratori di partecipare a titolo personale e senza simboli. "Ritengo coerente e doverosa la mia presenza qui – ha detto padre Prisutto - in quanto sono impegnato su questo fronte da parecchi decenni. Come ritengo giusta la presenza di tanti cittadini a sostegno del procuratore capo della Repubblica di Siracusa, Francesco Paolo Giordano. I tempi stanno cambiando e dobbiamo cambiare anche la mentalità: il ricatto occupazionale non può più rappresentare un’arma per chi ha fatto danno a questo territorio e ai suoi cittadini. È doveroso manifestare sostegno alla magistratura che sta cercando di fare luce su questo danno".

Il sit-in di stamattina non è l’unica reazione al provvedimento, in qualche modo storico, del tribunale di Siracusa. C’è anche una Class action dell’associazione consumatori Codici Sicilia, nell'eventualità che vengano accertate responsabilità penali e appurata la connessione tra inquinamento e malattie: “Il nostro ufficio legale – fanno sapere - ha predisposto l’istanza di qualificazione di persona offesa, che metteremo a disposizione di tutti i cittadini dei comuni coinvolti, così da indicare la propria posizione di persona offesa alla Procura di Siracusa, avviando l’iter per ottenere – qualora siano accertati reati – il risarcimento dei danni subiti in qualità di soggetti offesi dal reato”.

Nel frattempo, dal fronte indagini, continuano a arrivare novità. Dopo il “sì” di Isab alle prescrizioni imposte dalla Procura, e la proroga concessa alla Esso (decidere se accettare o meno entro il 15 settembre per le prescrizioni che riguardano le emissioni diffuse e il 30 settembre per le restanti prescrizioni) è stato riaperto il tavolo istruttorio per le Autorizzazioni integrate ambientali all’Isab. Si era chiuso a maggio con prescrizioni importanti nella direzione della diminuzione delle emissioni. L’intervento della Procura ha fatto riaprire il tavolo istruttorio, i rappresentanti delle amministrazioni locali e degli enti di controllo sono stati convocati d’urgenza al ministero dell’Ambiente: adeguamenti e tempi di realizzazione saranno dettati dalle nuove scadenze imposte dalla Procura.