Live Sicilia

L'ARRESTO

Vent'anni, incensurato, alcamese
Identikit di un piromane VIDEO


Articolo letto 4.717 volte
arresto piromane, boschi distrutti, carabinieri, incendio, piromane, Salaparuta, Cronaca, Trapani

Altre due persone sono state arrestate in un bosco di Sciacca mentre appiccavano il fuoco.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Vent'anni, incensurato, residente ad Alcamo. È l'identikit del presunto piromane arrestato in contrada “Monte Porcello” a Salaparuta dai carabinieri e dagli uomini del Corpo forestale regionale. Fabio Milazzo di avere appiccato l'incendio che ha distrutto sessanta ettari di bosco. C'è voluto un intero pomeriggio per spegnere le fiamme.

> GUARDA IL VIDEO DEI BOSCHI INCENDIATI

Fabio MIlazzo



Milazzo si trova agli arresti domiciliari in attesa di essere processato dal Tribunale di Sciacca. Carabinieri e forestali hanno agito seguendo il protocollo siglato il 16 maggio scorso negli uffici alla Procura della Repubblica di Sciacca. Un protocollo che regola il primo intervento e le attività di indagine.

Altri due piromani, Francesco Salvagio, 48 anni e Paolo Raso, 69 anni, entrambi di Sciacca (Ag) sono stati arrestati dai vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento, mentre appiccavano un incendio nei pressi di monte San Calogero a Sciacca (Ag). I pompieri erano intervenuti per circoscrivere e domare le fiamme. Hanno però individuato e bloccato, in flagranza di reato, i due mentre erano nella zona di contrada Cutrone. Gli arrestati sono stati portati nelle camere di sicurezza della polizia di Stato. I due sono ai arresti domiciliari.