Live Sicilia

L'AUTOPSIA

Boss ucciso con
fucilate alla nuca


Articolo letto 9.918 volte
agguato foggia, agguato romito, boss romito, morti agguato foggia, omicidio romito

Ucciso il boss, ucciso il cognato del boss e altre due persone, due contadini, che avevano assistito all'agguato.

VOTA
0/5
0 voti

E' stato ammazzato con due fucilate alla nuca il boss di Monte Sant'Angelo Mario Luciano Romito. E' quanto è emerso dalle autopsie eseguite presso l'istituto di medicina legale di Foggia delle quattro vittime dell'agguato di tre giorni fa a San Marco in Lamis. La stessa sorte è toccata al cognato di Romito, Matteo de Palma, che era l'autista del boss: anche lui è stato ucciso con un colpo di fucile alla nuca. I due fratelli contadini, uccisi perché testimoni involontari del duplice omicidio, sono stati giustiziati con colpi sparati a distanza ravvicinata.

I fratelli - è emerso dalle autopsie - sono stati ammazzati dai killer con colpi sparati con il fucile d'assalto AK 47 Kalashnikov: Aurelio Luciani che aveva tentato di fuggire uscendo dall'auto, è stato raggiunto da due colpi al fianco e uno al gluteo; il fratello Luigi è stato ucciso con due colpi alla testa e uno alla nuca.