Live Sicilia

Barcellona

Le 3 vittime italiane
di Barcellona


Articolo letto 80.769 volte
attentato barcellona morti italiani, barcellona morto bruno gulotta, barcellona morto italiano, barcellona morto luca russo, chi sono gli italiani morti a barcellona, italiano morto barcellona, luca russo morto barcellona, morto bruno gulotta barcellona, morto luca russo, nomi morti italiani
Bruno Gulotta e Luca Russo (Foto Facebook)

Il primo, 35 anni, è morto schiacciato dal furgone davanti agli occhi della compagna e dei figli.

VOTA
1/5
1 voto

Sono tre le vittime italiane a Barcellona. La conferma arriva dalla Farnesina, che ha mandato alcuni rappresentanti dell'unità di crisi nella città spagnola per seguire le operazioni che seguono all'attentato. I tre morti italiani sono Bruno GulottaLuca Russo e Carmen Lopardo.

La prima vittima italiana di cui è stata resa nota l'identità è Bruno Gulotta, residente a Legnano, in Lombardia, che era in vacanza nella città catalana con la compagna e i figli, un bambino di sei anni e una bambina di sette mesi. Gulotta, 35 anni, al momento dell’attacco si trovava sulla Rambla ed è rimasto ucciso dal furgone dei terroristi che è piombato sulla folla intorno alle 17 di ieri pomeriggio. La compagna e i figli avrebbero assistito al momento in cui sarebbe rimasto ucciso. 

Sui social i colleghi di Bruno Gulotta, che lavorava per la rivista tecnologica Tom's Hardware, hanno dato la notizia postando una foto dello staff dell'azienda per cui lavorava con numerosi messaggi di cordoglio per "la compagna e i figlioletti". "Ieri pomeriggio a Barcellona i terroristi hanno ucciso l'amico e collega Bruno Gulotta, responsabile marketing e vendite di Tom's Hardware. Oggi per noi è giornata di lutto". La compagna, Martina, ha raccontato ai colleghi di lavoro che l'uomo è stato investito in pieno mentre teneva per mano il figlio di 5 anni; lei, che portava nel marsupio un altro bimbo di un anno, è riuscita a strappare via il bambino più grande salvandolo della ruote. Bruno invece è rimasto schiacciato.

Si chiama Luca Russo, secondo quanto scrive l'agenzia Ansa, la seconda vittima italiana dell'attentato terroristico di Barcellona. Si tratta di un giovane di Bassano del Grappa. Il ragazzo, 25 anni, laureato in ingegneria energetica, si trovava in vacanza a Barcellona con la fidanzata, rimasta ferita anche lei.

Era nata a Sasso di Castalda - un piccolo paese della provincia di Potenza - Carmen Lopardo, di 80 anni, la terza vittima italiana dell'attentato avvenuto a Barcellona. Lopardo era nata in paese il 16 luglio del 1937: il 5 maggio del 1950, quando non aveva ancora 13 anni, lasciò Sasso di Castalda per trasferirsi in Argentina con la famiglia. Col passare degli anni - secondo quanto si è appreso in Comune - a Sasso di Castalda non è rimasto nessuno della famiglia di Carmen Lopardo.