Live Sicilia

AD ACATE

Rissa tra famiglie rivali
Quattro arresti e un ferito FOTO


Articolo letto 13.202 volte
arresti acate, rissa acate, rissa famiglia zisa acate, rissa via manzoni acate, sparo via manzoni acate, Cronaca, Ragusa
Il fucile sequestrato.

Spintoni, minacce, insulti e uno sparo. Ferito un diciottenne.

VOTA
0/5
0 voti

ACATE (RAGUSA) - Nottata movimentata quella appena trascorsa, che ha visto i carabinieri di Vittoria impegnati a sedare una rissa che sarebbe potuta finire in tragedia. Scoppiata verso le 5 del mattino, in via Manzoni, ad Acate, ha visto coinvolte ben sette persone, tra cui due minorenni. Grazie al tempestivo intervento dei militari, la situazione è rientrata nella normalità: quattro le persone arrestate e tre denunciate a piede libero; sequestrato anche un fucile con matricola abrasa utilizzato durante il violento alterco che è costato il ferimento di un ragazzo, fortunatamente non grave.

Tutto è successo per futili motivi e, dopo qualche parola di troppo, le due famiglie acatesi si sono scontrate con spintoni, minacce e insulti. La situazione è poi ulteriormente degenerata quando uno di loro ha imbracciato il fucile, che deteneva illegalmente, e ha sparato, colpendo alla gamba un giovane della controparte. I carabinieri, giunti sul posto, oltre a far intervenire il personale del 118 per i soccorsi, sono riusciti a sedare gli animi e a disarmare tutte le persone coinvolte e, dopo aver ricostruito la dinamica dei fatti, grazie anche ad alcuni testimoni, hanno arrestato quattro persone, di cui due con precedenti penali: Angelo Palmieri , 40 anni; Giovanni Zisa, 20 anni; Salvatore Zisa, 46 anni, e Danilo Zisa, 18 anni. Inoltre, sono state denunciate una donna di 37 anni e due giovani minorenni.

>LE FOTO DEGLI ARRESTATI

A seguito di perquisizione domiciliare è stato sequestrato il fucile usato, un calibro 12 a due canne privo di matricola, e due cartucce: il ragazzo ferito dall’arma da fuoco, Danilo Zisa, ne avrà per almeno otto giorni.

Al termine delle formalità di rito in caserma, Angelo Palmieri è stato trasferito nel carcere di Ragusa, mentre gli altri tre sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso la propria abitazione. Le accuse, a vario titolo, sono rissa aggravata, lesioni personali aggravate, nonché detenzione di arma clandestina.