Live Sicilia

PALERMO

Donna muore al "Cervello"
In ospedale scoppia il caos


Articolo letto 72.410 volte
aggressione, caos, lite, minacce, ospedale cervello, reparto di cardiologia, Cronaca, Palermo

Urla e minacce nel reparto di Cardiologia. E' intervenuta la polizia.


PALERMO - Alla notizia del decesso della donna è stato il putiferio. Momenti di tensione nel tardo pomeriggio di ieri all'ospedale Cervello, dove è stato necessario l'intervento di tre volanti della polizia per riportare la calma nel reparto di Cardiologia Utic. Urla e minacce hanno scatenato il caos: quasi cinquanta i familiari giunti in ospedale dopo la morte di una donna di 58 anni.

Una volta appresa la notizia molti di loro hanno inveito contro i medici e gli infermieri, minacciando di provocare danni al reparto "e per gli operatori - dicono dall'ospedale - proseguire il normale lavoro è improvvisamente diventato impossibile. Purtroppo abbiamo già assistito ad episodi simili al pronto soccorso, ma all'interno del reparto, con la presenza degli altri pazienti ricoverati, un comportamento simile mette a rischio tutti".

La donna, cardiopatica e già sottoposta ad un intervento al cuore l'anno scorso, era stata ricoverata il 25 agosto. "Durante la dialisi  - spiegano dal Cervello - sono sorte complicazioni cardiache che hanno richiesto il trasferimento a Cardiologia, all'unità terapia intensiva coronarica, giorno 29. E' stata assistita immediatamente, le è stato subito impiantato un pacemaker temporaneo e ha continuato a fare la dialisi nel reparto".

"E' stata monitorata costantemente - precisano dall'ospedale - con la massima attenzione e professionalità da parte dei medici del reparto. Ieri la situazione è peggiorata. Tre medici cardiologi l'hanno assistita e per più di un'ora hanno effettuato un intervento di rianimazione, terminato il quale non si è potuto fare altro che constatarne il decesso. Tutta l'assistenza alla signora, lo ribadiamo, è stata eseguita nel più pieno e scrupoloso rispetto delle procedure e con estrema professionalità da parte dei medici del reparto".