Live Sicilia

ASSEMBLEA DELLA SINISTRA

Fava lancia il ticket con Navarra
"Mi candido per vincere"


Articolo letto 12.311 volte
assemblea sinistra, fava candidato con navarra, fava navarra, fava navarra ticket, navarra candidato con fava, navarra fava, ticket fava navarra, Politica

C'erano esponenti di Mdp, Sinistra italiana, Rifondazione comunista, Verdi e Possibile.


PALERMO - Assemblea unitaria della sinistra domenica pomeriggio a Palermo per votare un documento che dia l'investitura ufficiale a Claudio Fava come candidato alla presidenza della Regione siciliana. Alla riunione sono stati presenti esponenti di Mdp, Sinistra italiana, Rifondazione comunista, Verdi, Possibile, movimenti e associazioni. Nella sala i manifesti con la scritta 'Fava presidente'. "Non mi candido per una testimonianza, qui ci si candida per vincere e non è uno slogan elettorale. Io non mi candido contro il Pd, contro Musumeci o contro i 5 stelle, io mi candido per questa terra", ha detto Fava che poi ha lanciato il ticket con Navarra: "Chiedo a Ottavio Navarra, mio grande amico da tanti anni, di essere vice presidente della Regione".

Ottavio Navarra all'inizio della riunione aveva spiegato le ragioni che lo hanno indotto a ritirare la sua candidatura, che era stata lanciare da Prc, per sostenere quella di Fava.

"La sinistra deve avere l'ambizione di parlare a tutti, costruiremo uno spazio in cui tornare a sentirsi cittadini - ha detto Claudio Fava nel suo discorso all'Assemblea. - A Roma hanno mercanteggiato sulla legge elettorale e su qualche posto al Senato, tutto questo sulla pelle dei siciliani, ridurre a un fatto locale il voto in Sicilia e quanto sta avvenendo significa prepararsi alla sconfitta", ha aggiunto riferendosi al segretario del Pd Matteo Renzi e al sottosegretario Davide Faraone secondo cui le elezioni siciliane non sono un test nazionale. Un accenno anche al governatore in carica, Rosario Crocetta e alla sua inclinazione "antimafia": "Noi dobbiamo parlare alla Sicilia che vogliamo, dobbiamo parlare di lotta alla mafia che non si può delegare solo ai Tribunali e lo faremo, anche se sarà difficile dopo l'uso che ne ha fatto Rosario Crocetta. Dai 5stelle non ho mai ascoltato parole che ponessero il tema della mafia al centro: ogni silenzio è voluto, ogni reticenza è un segnale".

In apertura dei lavori, è stato proiettato un video con l'appello di Fina Fontana, la madre di Emiliano Puleo, uno dei tre ragazzi siciliani in carcere da quasi due mesi in Germania dopo le manifestazioni contro il G20 di Amburgo a luglio.
 "Oggi, con l'Assemblea di Palermo, inizia un'avventura che porta la Sicilia ad un risultato davvero incredibile: una candidatura unitaria della sinistra. Dal primo momento ci siamo schierati a favore di alcune cose ben precise come il lavoro su un programma di sinistra e innovativo, offrendo alla coalizione anche proposte molto mirate, con un modello partecipativo incentrato sul dialogo". È quanto dichiara il deputato e segretario di Possibile, Pippo Civati, annunciando l'adesione all'iniziativa dei cittadini in Sicilia. "Siamo stati - prosegue il leader di Possibile - con convinzione al fianco di Ottavio Navarra, ed oggi lo siamo a fianco di Claudio Fava. Vogliamo offrire ad ogni cittadino un ricambio radicale, puntando a una forte discontinuità delle politiche portate avanti in questi anni da Crocetta e dai suoi subalterni sostenitori, mettendo in campo un progetto di governo ambizioso e sostenuto unitariamente da tutte le forze di sinistra". "È quindi sul programma - conclude Civati - che si fonderà la vera unione di intenti. Siamo già all'opera per la costruzione di proposte, per cui chiediamo la collaborazione di tutti i soggetti impegnati in questo progetto, su diversi temi tra cui: un reddito minimo garantito; un progetto di accoglienza diffusa; una riforma del sistema regionale del diritto allo studio; la salvaguardia dell'ambiente e del paesaggio attraverso la valorizzazione dell'agricoltura e attraverso una riforma urbanistica regionale; un importante contributo dedicato al tema del lavoro, ai suoi diritti e al suo sviluppo tramite il tema dell'innovazione sociale e tecnologica che riteniamo centrale per quel lavoro giovanile non pervenuto sul territorio siciliano".

"Chi non sostiene Micari da sinistra lo fa con lo scopo di cercare di farci perdere perché la proposta della sua persona è stata avanzata proprio da altri nello schieramento". Lo ha detto il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato. "Ci è stata avanzata la richiesta - ha aggiunto Rosato - di costruire un modello come quello di Palermo con una personalità civica e con una coalizione come da loro proposta, con Ap all'interno della stessa. Adesso si sono sfilati perché pensano che sia meglio perdere seguendo un recondito desiderio di ricostruire una Rifondazione comunista che fa testimonianze e non si occupa di gestire i problemi. Non è ancora possibile capire quali saranno le possibili ripercussioni alle prossime politiche; di certo il Pd sta lavorando con la convinzione di avere la migliore proposta ed il miglior candidato per vincere in Sicilia".