Live Sicilia

PALERMO

Il clochard bruciato vivo
Infermità mentale: scontro fra periti


Articolo letto 3.943 volte
clochard palermo, giuseppe pecoraro, infermità mentale, marcello cimino, mensa dei cappuccini, processo, Cronaca
L'imputato Giuseppe Pecoraro

Marcello Cimino fu travolto dalle fiamme mentre dormiva su un giaciglio di fortuna.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Due perizie dalle conclusioni opposte. Per i consulenti della difesa quando Giuseppe Pecoraro uccise il clochard Marcello Cimino era incapace di intendere e volere. Secondo il perito dell'accusa, invece, era ed è sano di mente. Da qui la decisione del giudice per le indagini preliminari Maria Cristina Sala di nominare un terzo perito. Si torna in aula il 4 ottobre.

I legali dell'indagato, reo confesso, gli avvocati Carolina Varchi e Brigida Alaimo, hanno ottenuto la possibilità di fare visitare Pecoraro in carcere. Il perito ha parlato di capacità di intendere e volere gravemente limitata e "disagio antisociale". Cimino fu bruciato vivo, a marzo scorso, mentre dormiva su un giaciglio di fortuna davanti al ricovero dei Capuccini a Palermo. I familiari della vittima si sono costituiti parte civile con l'assistenza dell'avvocato Toni Palazzotto.