Live Sicilia

LA SVOLTA

Non è scomparsa, è morta
Confessa il fidanzatino di Noemi


Articolo letto 51.700 volte
lucio noemi durini, morta ragazza scomparsa, noemi durini morta, noemi durini uccisa, noemi durini ucciso da lucio, ragazza scomparsa uccisa dal fidenzato

Dopo l'apertura di un'indagine per omicidio. La ragazza aveva paura: il post su Facebook.

VOTA
1/5
1 voto

È arrivata alla fine la confessione: il fidanzato di Noemi Durini, la sedicenne scomparsa da Specchia (Lecce), ha ammesso di aver ucciso la ragazza. Il giovane, Lucio, di un anno più grande della vittima, è crollato durante l'interrogatorio da parte dei carabinieri. Anche il padre del ragazzo è finito sul registro degli indagati con l'accusa di concorso in omicidio. A quanto si apprende il ragazzo avrebbe anche indicato agli inquirenti il luogo in cui si troverebbe il cadavere della sua fidanzatina, a Castignano del Capo (Lecce).

La svolta nelle indagini è arrivata dopo che gli inquirenti avevano aperto un'inchiesta a carico del ragazzo per omicidio. Un giovane "a rischio", dicono gli investigatori, che vive a pochi chilometri da Specchia. Il ragazzino e Noemi - secondo fonti inquirenti riportate dall'Ansa - sono stati ripresi dalla videocamera di sicurezza di un'abitazione di Specchia in orario notturno (la notte tra il 2 e il 3 settembre) mentre salivano su un'auto guidata dal 17enne, che è solito condurre l'autovettura pur senza avere la patente.

Altre volte, in passato, la sedicenne si era allontanata da casa per il rapporto burrascoso che aveva con la mamma, ma mai per più di un paio di giorni.

Di recente sul proprio profilo Facebook la ragazza aveva condiviso un post contro il femminicidio: "Non è amore se ti fa male, non è amore se ti controlla, non è amore se ti fa paura di essere ciò che sei, non è amore, se ti picchia, non è amore se ti umilia".