Live Sicilia

Regionali

Da Crocetta a Genovese jr
Le sfide nel collegio di Messina


Articolo letto 4.362 volte
, Messina, Politica

Big, uscenti, aspiranti new entry. E c'è anche Crocetta.

VOTA
1/5
1 voto

MESSINA - Il fischio finale è arrivato questo pomeriggio alle 16, ora entro cui era possibile recarsi nella Corte d’Appello del Tribunale di Messina per presentare le liste provinciali per le prossime elezioni regionali del 5 novembre. Centrodestra a centrosinistra hanno limato gli ultimi dettagli, facendo quadrare il cerchio in vista di una tornata elettorale che si preannuncia più accesa che mai. A fare da spettatore interessato c’è un Movimento 5 Stelle che sogna un colpaccio storico, far diventare la Sicilia la prima Regione pentastellata d’Italia. Lo scontro tra Nello Musumeci e Gianfranco Miccichè e l’esclusione di Gaetano Armao dal listino non hanno scombussolato più di tanto i piani di un centrodestra che sente profumo di vittoria. La lista del Diventerà Bellissima conta sulla sulla presenza del “musumeciano” della prima ora Ferdinando Croce, presidente del movimento Vento dello Stretto, del presidente del Consiglio Comunale di Taormina, Antonio D’Aveni, del sindaco di Antillo, Davide Paratore, così come dell’ex consigliere provinciale, Giuseppe Galluzzo. Presenti anche Maria Rosa Recupero, Simone Magistri, Gabriella Regalbuto e Chiara Sterrantino, esponente dell’area Briguglio. La lista Fratelli d’Italia - Noi con Salvini, presenta la consigliera comunale di Messina, Elvira Amata, già assessore della giunta Buzzanca. Così come Giuseppe Corvaja, anch’egli in corsa. Pronti a spingere Antonio Catalfamo, Elisabetta Di Natale, Carmelo Pino, Sabina Scaravaggi e Luigi Stancanelli. Chi vuole fare la voce grossa è però Forza Italia, che schiera ben tre deputati uscenti. Si tratta di Santi Formica, Nino Germanà (per lui un ritorno dopo i recenti trascorsi alfaniani) e Bernadette Grasso, prima cittadina di Rocca di Caprileone. I riflettori però saranno tutti per Luigi Genovese, figlio del deputato nazionale Francantonio e nipote di Franco Rinaldi, anch’egli in uscita dall’Ars. A completare la lista sono Cristina Barresi, l’avvocato barcellonese Tommaso Calderone, Elvira Mento e Federico Raineri Mangialino. Confermata la presenza di Valentina Zafarana, deputata uscente, insieme a Leonardo Russo, Francesco Mazzeo, Carlo Fanara, Antonino De Luca, Alberto La Spada, Antonella Piparo e Angela Raffa. Tra le liste presentate c’è quella degli Autonomisti e Popolari a sostegno di Nello Musumeci. Ufficiali le candidature dell’ex deputato all’Ars, Roberto Corona, del deputato uscente, Carmelo Currenti, del consigliere comunale di Barcellona Pozzo di Gotto, Antonietta Amoroso, dell’ex sindaco di Scaletta, Mario Briguglio e del sindaco di Fondachelli Fantina, Marco Antonio Pettinato. Presenti anche Santo Catalano, Patrizia Causarano e Silvana Foti. Restando sempre nell’ambito del centrodestra, l’Udc ha nel sindaco di Santa Teresa di Riva, Cateno De Luca, la propria punta di diamante. Insieme a Saro Sidoti, Helga Calà, Danilo Lo Giudice, Caterina Panarello, l’ex presidente del Consiglio Comunale di Messina, Giuseppe Previti e Daniela Zirilli. La prima lista presentata è quella del Movimento 5 Stelle, che si schiera al fianco di Giancarlo Cancellieri in corsa per la carica di Governatore. In casa grillina tutto è stato deciso già da tempo per via delle tanto discusse legionarie. Confermata la presenza di Valentina Zafarana, deputata uscente, insieme a Leonardo Russo, Francesco Mazzeo, Carlo Fanara, Antonino De Luca, Alberto La Spada, Antonella Piparo e Angela Raffa. Acque agitate nel centrosinistra, dopo l’ultimatum di Matteo Renzi a Rosario Crocetta che ha provocato l’affossamento della lista del Megafono. I riflettori si sono così accessi sulla lista a sostegno di Fabrizio Micari, Arcipelago Sicilia, che racchiude molti esponenti del movimento vicino al Governatore uscente. C’è Rosario Crocetta, così come l’ex consigliere comunale di Messina, Nicola Barbalace, il cui ingresso nella lista è dovuto ad una mossa del senatore, Beppe Lumia. Ha scelto di mettersi in gioco, invece, l’assessore uscente Aurora Notarianni. Cambio di rotta in zona Cesarini, invece, per Tani Isaja, ex assessore del Comune di Messina, e candidato in pectore del Partito Democratico, almeno fino ad una manciata di ore dalla presentazione degli incartamenti. Poi il definitivo passaggio nella lista che è espressione diretta del candidato alla presidenza, Fabrizio Micari. Presenti anche Nunzio Grasso, Sandra Raffa e Alessandra Colina. Il Partito Democratico vuole fare la voce grossa all’interno della coalizione. Il deputato uscente Giuseppe Laccoto punta ad una riconferma, mentre vogliono essere la sorpresa della lista Matteo Sciotto, sindaco di Gualtieri Sicaminò sostenuto dai giovani renziani, e Francesco De Domenico, direttore generale dell’Università di Messina. Diranno la loro anche Alessia Currò, Giulia Iachipino, Letteria Cogliandolo, Mariella de Pasquale ed Emanuele Giglia, sostenuto dal deputato uscente Filippo Panarello. Punta ad un bel risultato anche Sicilia Futura, che candida i due deputati uscenti, Giuseppe Picciolo e Marcello Greco. In corsa anche Santi Calderone, Maria Catanzaro, Renato Cilona, Maria Grazia Insana, Annita Misiti e Carmelo Torre Barbera. Per la lista Alternativa Popolare-Centristi per Micari, in pole position c'è il presidente uscente dell'Ars Antonio Ardizzone. La lista Cento Passi, a sostegno della candidatura di Claudio Fava, presenta in lista lo stesso candidato alla presidenza insieme a Ketty Bertuccelli, leader del movimento Cambiamo Messina dal Basso vicino al sindaco Renato Accorinti, insieme a Raffella Campo, già assessore a Barcellona ai tempi della giunta Collica. In lista anche Marcello Corrao, coordinatore di Mdp sui Nebrodi, Giuseppe Grigoli, ex consigliere provinciale di Messina adesso in Mdp, l’ex assessore di Taormina, Francesca Gullotta, l’ex consigliere provinciale, Francesco Italiano e l’attuale consigliere comunale di Messina, Maurizio Rella. Presentata anche la lista Siciliani Liberi, formata da Roberto La Rosa, candidato alla presidenza, Gianluca Castriciano, dell’associazione messinese la Sicilia ai Siciliani, Deborah Braccini, Pietro Giandolfo, Antonino Sindoni, Marco Lo Dico, Francesca Rita Spinelli e Francesca Versaci. La corsa per gli otto seggi può avere inizio.