Live Sicilia

Palermo

Monti: "Il rilancio del porto
con il nuovo Piano regolatore"



Le parole del presidente dell'Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia Occidentale

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - "A Palermo il nuovo Piano regolatore portuale, in fase di approvazione, ha il duplice obiettivo di rafforzarne la capacità infrastrutturale, e di riconsiderare i rapporti percettivi, morfologici e funzionali con la città, riorganizzando le aree funzionali interne e ripensando anche tutto il sistema dell'interfaccia lineare con la città. S'avverte l'urgenza di recuperare i porticcioli di Sant'Erasmo, dell'Arenella e dell'Acquasanta". Lo ha detto Pasqualino Monti, presidente dell'Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia Occidentale, oggi al Cruise day - la giornata dedicata alla crocieristica italiana organizzata da Risposte turismo - che si svolge all'hotel Villa Igiea a Palermo. "I primi progetti da mandare avanti - ha proseguito - riguardano proprio Sant'Erasmo, con una riqualificazione in stile Cala: interventi a bassissimo impatto, strutture leggere e temporanee, senza espellere i pescatori ma integrandoli alla nuova vita. Analogo lavoro va fatto all'Arenella e all'Acquasanta, ricostruendo il rapporto, oggi sconnesso, con le borgate marinare. L'idea generale è quella di aprire il porto, cerniera tra mare e città, rendendolo il più 'poroso' possibile". "Si sta già lanciando - ha aggiunto Monti - un concorso di idee per la comunità internazionale dei progettisti per la realizzazione del nuovo terminal crociere al Sammuzzo, e del terminal polifunzionale, al molo Piave che, oltre a sostituire gli attuali silos non più coerenti con la nuova immagine del porto, accoglierà gli uffici attualmente allocati negli edifici che oggi costituiscono una barriera su via Crispi: nessun impedimento visivo, dunque, ma una passerella con la parte in cima percorribile, un affaccio sul mare che non interviene sulla vita marittima. Un altro degli obiettivi della nuova presidenza è quello di far diventare Palermo un homeport per le maggiori compagnie crocieristiche, in modo da beneficiare di maggiori ricadute economiche".