Live Sicilia

Immigrazione

A Palermo la 'nave dei bambini'
Su 600 migranti 241 minorenni


Articolo letto 5.551 volte
, Cronaca, Palermo
Lo sbarco di migranti al porto di Palermo (Foto Twitter Sos Mediterranee Italia)

La nave Acquarius li ha portati al molo dopo il salvataggio nel Mediterraneo.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Il primo a sbarcare sul molo palermitano dalla nave Aquarius di Sos Méditeranée, che ha portato 606 migranti, è stato un bimbo di appena 6 giorni. E' un record per numero di minori quello dello sbarco odierno: ce ne sono 241, oltre 170 non sarebbero accompagnati, tra cui tantissimi bambini da pochi mesi a qualche anno. A bordo anche 11 donne incinte e numerose persone ferite che sono state trasportate in barella. I migranti sono stati soccorsi in 36 ore in diverse operazioni di salvataggio. A parte i salvataggi di alcune centinaia di migranti, per gran parte maghrebini, questo è il primo grande sbarco di persone che provengono anche da zone di guerra e dell'Africa centrale (Siria, Egitto, Mali, Costa d'Avorio, Guinea Bissau, Sudan, Marocco, Somalia, Eritrea, Senegal, Camerun, Nigeria, Liberia, Etiopia, Algeria, Ghana, Benin, Gambia, Yemen) nell'ultimo mese.

C'è anche un giovane che porta i segni di ferite da arma da fuoco e da machete, tra le 606 persone arrivate oggi. Lo rende noto la stessa organizzazione umanitaria Sos Méditeranée. Diversi naufraghi presentano sintomi di malnutrizione e appaiono provati dalla prolungata mancanza di cure. Numerose donne di origine subsahariana hanno dichiarato di essere state ripetutamente vittime di violenze sessuali e di essere state imprigionate per diversi mesi. Cinquanta persone sono richiedenti asilo siriani in fuga dalla Libia, e tra questi intere famiglie con bambini e due donne incinte al nono mese di gravidanza. "Siamo fuggiti dalla Siria e siamo arrivati in Libia nel 2012. Ho lavorato nel settore delle costruzioni. Ma presto in questo Paese tutto è diventato caotico, non ci sono più soldi, né lavoro. Tutto ormai ruota intorno al racket e al traffico di esseri umani" ha spiegato un siriano ai volontari della ong.

Il sindaco Leoluca Orlando questa mattina si è recato al porto di Palermo dove è arrivata la nave Aquarius di Sos Méditerranée, con a bordo 606 migranti, tra cui ben 241 minori, 178 dei quali non accompagnati. Con il sindaco Orlando era presente anche l’assessore alle Attività sociali. Giuseppe Mattina oltre al personale comunale dei servizi sociali e della protezione civile. “Il numero elevatissimo di minori – ha detto il sindaco Orlando - è la conferma di un dramma umano senza sosta e senza che l’Europa provi vergogna. Oggi ci siamo trovati di fronte a scelte drammatiche fatte dai familiari di questi minori affidati ai mercanti di morte con la speranza di condurli in Europa che però continua ad ignorare questo dramma macchiandosi di un comportamento criminogeno che produce ed alimenta organizzazioni criminali. Noi a Palermo siamo nettamente diversi da tutto questo e la città con la sua organizzazione e le sue strutture si conferma Capitale dell’accoglienza”. I minori non accompagnati giunti stamani al porto di Palermo saranno distribuiti in circa 15 comunità di prima accoglienza dislocate tra Palermo, Agrigento e Trapani. “ Questi – ha detto l’assessore Giuseppe Mattina – dopo essere stati accompagnati negli uffici della Questura saranno poi destinati nelle comunità di prima accoglienza, operazione che dovrebbe concludersi entro domani mattina".