Live Sicilia

LE REGIONALI

Musumeci vuole battere il M5s
"Spero nei voti del centrosinistra"


Articolo letto 16.998 volte
musumeci inceneritore valle del mela, musumeci nel messinese, musumeci sciagura grillina, musumeci voti centrosinistra, Politica

Il candidato del centrodestra: "Dopo la sciagura crocettiana, per evitare la sciagura grillina".


MONFORTE MARINA (MESSINA) - "Speriamo di vincere non solo con i voti del Centrodestra, la qual cosa mi inorgoglisce tanto, ma di avere anche i voti dell'elettorato del Centrosinistra. Dopo 5 anni di sciagura crocettiana se vogliamo evitare cinque anni di sciagura grillina penso che le persone perbene del Centrosinistra non possono che sostenere il mio impegno". A dirlo il candidato a presidente della regione siciliana Nello Musumeci durante una convention elettorale a Monforte Marina (Me).

"Voglio essere il riferimento - aggiunge - di tutta la Sicilia che non si arrende alla desertificazione di questa terra. E noi dobbiamo impedire che i grillini condannino allo stallo una Sicilia che invece ha bisogno di dinamismo, di vigore e di ritrovare la speranza e guardare al futuro, anche utilizzando un linguaggio di pace e non violento come fanno loro. Faccio un appello agli elettori che voteranno Pd ognuno con il proprio candidato e la propria lista, fate come volete ma non votate per la presidenza Micari, il massimo rispetto per l'uomo, ma oggi votare per lui è come votare Beppe Grillo".

Riferendosi, poi, all'installazione di un inceneritore nella Valle del Mela, Musumeci ha detto: "Per l'inceneritore abbiamo lottato ed è stata una battaglia dura e difficile. Questa è un area che va valorizzata e non vogliamo fare sperimentazioni dall'esito incerto. Noi siamo perché la politica dei rifiuti in Sicilia risponda a logiche e metodi già sperimentati altrove". "Noi vogliamo - prosegue Musumeci - che questa zona non continui a pagare gli effetti di un economia disastrosa per il polo industriale. Se andremo alla regione vogliamo pianificare la politica dei rifiuti partendo dalle autorità locali che sono invece rimaste ai margini del governo Crocetta".