Live Sicilia

PALERMO

Paolo e Mary, morti nello schianto
"Coppia splendida, siamo distrutti"


Articolo letto 247.756 volte
bellolampo, incidente, incidente mortale, mary messina, moto, paolo cacciatore, tragedia della strada, Cronaca, Palermo

La tragedia della strada sulla provinciale per Bellolampo. Il dolore degli amici della coppia.

VOTA
4/5
1 voto

PALERMO - Una coppia giovanissima con ancora tanti sogni da realizzare. Le vite di Francesco Paolo Filippone e Mary Messina, 26 e 25 anni, si sono spezzate lungo la strada per Bellolampo oggi pomeriggio, mentre si trovavano a bordo della loro moto Suzuki.

L'ennesima tragedia della strada in città che stavolta non ha lasciato scampo ai due giovani palermitani che avevano una bambina di quattro anni. Per cause ancora da accertare il ragazzo ha perso il controllo del mezzo, finendo fuori strada. Il violentissimo impatto li ha uccisi sul colpo, al punto che ai sanitari del 118 non è rimasto che accertare il decesso.

La notizia ha gettato nello choc e nello sconforto tutti coloro che conoscevano i due giovani. Vengono descritti come una coppia molto affiatata, Paolo lavorava in un'autorimessa, nei momenti liberi si dedicava alla sua passione per le moto. "Vivevano per la loro bambina - racconta Giusy, un'amica - sono sconvolta, non riesco ancora a credere a ciò che è accaduto. Hanno lasciato una bimba splendida, adesso dobbiamo pregare per lei".

Gli amici dei due ragazzi puntano il dito contro lo stato della strada provinciale che oggi pomeriggio la coppia stava percorrendo: "Paolo era prudente - dicono - siamo convinti che abbia perso il controllo perché l'asfalto lì è terribile. Inoltre l'illuminazione è carente, gli automobilisti non rispettano i limiti di velocità e sfrecciano anche in curva. Ci resteranno mille dubbi e domande, nessuno farà tornare indietro i nostri due angeli, siamo distrutti".

Le indagini vengono condotte dall'Infortunistica della polizia municipale. In base ai rilievi effettuati sul posto non risulterebbero altri mezzi coinvolti. Le salme, su disposizione del magistrato di turno, sono state riconsegnate ai familiari per la celebrazione del funerale.