Live Sicilia

Agrigento

"Estorsione a due dipendenti"
Arrestato candidato Cinquestelle


Articolo letto 40.430 volte
arrestato candidato cinque stelle, arrestato la gaipa agrigento, estorsione, Agrigento, Cronaca, Politica
Fabrizio La Gaipa

Fabrizio La Gaipa era in lista alle Regionali nel collegio di Agrigento. Sospeso dai probiviri


AGRIGENTO - Fabrizio La Gaipa, uno dei candidati della lista M5s alle scorse regionali, è stato arrestato dalla squadra mobile di Agrigento con l'accusa di estorsione. La Gaipa, imprenditore nel settore alberghiero, giornalista, già presidente del Distretto turistico Valle dei Templi, era candidato nel collegio di Agrigento. L'accusa contestata a La Gaipa, che è ai domiciliari, riguarda una presunta estorsione a due dipendenti dell'imprenditore che sarebbero stati costretti a firmare false buste paga. L'indagine ha fatto scattare le procedure per la sospensione di la Gaipa dal movimento: "Il collegio dei probiviri ha disposto la sospensione in via cautelare dell'iscritto Fabrizio La Gaipa, visti gli articoli 4 e 5 del regolamento del Movimento 5 Stelle", rendono noto i probiviri Nunzia Catalfo, Riccardo Fraccaro e Paola Carinelli.

Con Fabrizio La Gaipa, 42 anni, risulta indagato nella stessa inchiesta condotta dalla Procura di Agrigento anche il fratello Salvatore per il quale i magistrati hanno disposto il divieto di dimora in città. L'imprenditore alberghiero, titolare del Costa Azzurra Museum sul litorale agrigentino di San Leone, era l'unico candidato del capoluogo nel collegio di Agrigento per le elezioni regionali ed era giunto terzo con 4357 voti, risultando il primo dei non eletti. Alla sua campagna elettorale avevano partecipato anche il vice presidente della Camera Luigi Di Maio, il parlamentare Alessandro Di Battista e il candidato a Governatore in Sicilia Giancarlo Cancelleri

Si va verso la sospensione dal Movimento 5stelle di Fabrizio La Gaipa, l'imprenditore arrestato con l'accusa di estorsione e primo dei non eletti nella provincia di Agrigento alle scorse elezioni regionali siciliane. È quanto si apprende fa fonti del Movimento (ANSA).