Live Sicilia

Agrigento

L'inchiesta sul candidato M5s
Contro La Gaipa "riscontri audio"


Articolo letto 3.355 volte
la gaipa, luigi patronaggio, Agrigento

La nota del procuratore Luigi Patronaggio.

VOTA
0/5
0 voti

AGRIGENTO - Al centro dell'inchiesta che ha portato agli arresti domiciliari il candidato del M5s in Sicilia Fabrizio La Gaipa, e al divieto di dimora per suo fratello Salvatore, c'è "una duplice estorsione perpetrata dagli indagati ai danni di due dipendenti costretti, dietro la minaccia del licenziamento, ad accettare un salario inferiore a quello risultante nelle buste paga". Lo precisa, in una nota il Procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio. "I dipendenti, persone offese del reato - sottolinea il magistrato - hanno offerto riscontri documentali ed audio alle loro dichiarazioni accusatorie nei confronti degli indagati". Secondo Patronaggio "il fenomeno delle 'false buste paga' è particolarmente diffuso nell'agrigentino ed oggetto di particolare attenzione investigativa da parte dell'Ispettorato del Lavoro oltre che delle forze di polizia".

(ANSA)