Live Sicilia

Palermo

Rifiuti tossici al parco Cassarà
In sette andranno sotto processo


Articolo letto 4.499 volte
palermo parco cassarà, parco cassarà, rinviati a giudizio parco cassarà, Palermo

Prosciolti due dirigenti del Comune.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Sono stati rinviati a giudizio dal gup Fabrizio Anfuso sette imputati fra imprenditori, dipendenti e dirigenti comunali a cui sono contestati a vario titolo i reati di falso, omissione e disastro ambientale. Finirono nell'inchiesta sui rifiuti tossici all'interno del parco Cassarà a Palermo. Sono stati prosciolti Roberto Giaconia e Francesco Fiorino, dirigenti del settore Ambiente di Palazzo delle Aquile, assisiti rispettivamente dagli avvocati Giandomenico Bondì e Carmelo Garrisi. A giudizio vanno, a partire dal 16 gennaio prossimo davanti alla terza sezione penale, Luigi Trovato e Francesco Savarino (direttori dei lavori), Emanuele Caschetto (legale rappresentante del consorzio che ha realizzato i lavori), l'imprenditore Gianfranco Caccamo, Giorgio Parrino, Michelangelo Morreale ed Eugenio Agnello (l'intera commissione di collaudo). Hanno scelto l'abbreviato Vincenzo Polizzi (responsabile della realizzazione del parco), Filippo e Francesco Chiazzese, due imprenditori.

(ANSA).