Live Sicilia

Siracusa

Truffa sui fondi Ue, sette indagati
C'è anche l'ex deputato Coltraro


Articolo letto 7.162 volte
, Cronaca, Siracusa

Per l'accusa avrebbero tentato di ottenere un milione per il restauro di un villaggio turistico

VOTA
0/5
0 voti

PORTOPALO (SIRACUSA) - I carabinieri hanno notificato a sette persone avvisi di conclusione delle indagini per i reati di falsità materiale e ideologica, abuso d'ufficio, soppressione di atti pubblici, uso di atti falsi e tentata truffa aggravata, finalizzati all'erogazione delle agevolazioni finanziarie della Comunità Europea. Tra gli indagati Mario Poidomani, 60 anni, dirigente dell'ufficio tecnico del comune e Giambattista Coltraro, 42 anni, già deputato dell'Assemblea Regionale Siciliana, all'epoca dei fatti segretario della III Commissione legislativa parlamentare "Attività produttive", nonché amministratore di fatto del villaggio in questione.

Secondo la Procura, gli indagati avrebbero tentato ricevere oltre un milione di euro di sovvenzione pubblica per il restauro di un villaggio turistico nel Comune di Portopalo di Capo Passero (Sr), lavori mai effettuati e autorizzati con atti falsi. Le indagini sono state condotte dal pm Salvatore Grillo e sono partite a giugno 2013, quando i carabinieri hanno sequestrato, nell'ufficio tecnico del Comune di Portopalo, le domande di sanatoria per gli abusi edilizi relativi al villaggio, che sorge a meno di 500 metri dalla battigia, contrariamente a quanto disposto dalla legge regionale in materia. Le successive investigazioni avrebbero permesso di appurare che la società che gestiva il villaggio turistico aveva prodotto false autocertificazioni e attestazioni dell'esecuzione di lavori mai eseguiti e dei requisiti per l'accesso alle agevolazioni finanziarie pubbliche a fondo perduto. (ANSA).