Live Sicilia

Mafia, Palermo

Il blitz Falco a Santa Maria di Gesù
Tutti i nomi degli arrestati


arrestati santa maria di gesù, mafia palermo arrestati, nomi arrestati palermo, nomi arresti blitz falco, nomi palermo arrestati mafia, palermo arrestati mafia, santa maria di gesù arrestati, Cronaca, Palermo

Sgominato uno dei clan storici della città. LE FOTO DI TUTTI I COINVOLTI

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Questi i nomi dei destinatari delle misure cautelari notificate oggi dai carabinieri di Palermo nell'ambito dell'operazione antimafia Falco, che ha sgominato la famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù: Pietro Cocco, Giuseppe Confalone, Giuseppe Contorno, Salvatore Lo Iacono, Gaetano Messina, Antonino Palumbo, Pasquale Prestigiacomo, Antonino Tinnirello, Giuseppe Tinnirello,  Giuseppe Urso, Cosimo Vernengo (classe 1966), Natale Giuseppe Gambino, Salvatore Gregoli, Gabriele Pedalino, Francesco Pedalino, Antonino Profeta, Salvatore Profeta, Lorenzo Scarantino, Salvatore Binario, Francesco Fascella, Giuseppe Gambino, Antonino Ilardi, Francesco Immesi, Antonino La Mattina, Girolamo Mondino, Christian Pizzo, Cosimo Vernengo (classe 1964).

CLICCA QUI PER GUARDARE LA FOTOGALLERY DEGLI ARRESTATI

''La famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù è storicamente tra le più antiche e influenti di Cosa nostra. E' stata capace di riorganizzarsi internamente dopo ogni operazione delle Forze dell'Ordine e della magistratura''. Lo dice il comandante provinciale dei carabinieri di Palermo col. Antonio Di Stasio, commentando l'operazione. ''Nonostante la recente morte del capo dei capi, anche l'operazione odierna conferma, ancora una volta, come Cosa nostra prosegua lungo il solco tracciato da lunghi anni di storia criminale, tramandando regole e tradizioni ferree ai nuovi affiliati, ricostruendo di volta in volta la sua gerarchia con elezioni dei rappresentanti ai vari livelli, controllando il territorio, ricorrendo all'uso della violenza nella pratica estorsiva e sostenendo gli affiliati detenuti e le rispettive famiglie'' aggiunge. ''Sono trascorsi poco meno di 10 giorni da quando l'Arma dei Carabinieri ha duramente colpito un'altra storica famiglia mafiosa cittadina, quella di Borgo Vecchio - prosegue -. Ma, nonostante il momento storico abbia dimostrato segnali di cambiamento di direzione della Sicilia, questa volta non si è registrata la stessa collaborazione dei commercianti che hanno denunciato i loro estorsori''.