Live Sicilia

Messina

Sequestro da 30 milioni ai Genovese
Sono indagati per riciclaggio


Articolo letto 25.191 volte
elezioni sicilia, Francantonio Genovese, indagato genovese, indagato luigi genovese, Luigi Genovese, riciclaggio luigi genovese, Messina, Politica

Francantonio e il figlio Luigi, appena eletto all'Ars. Il legale: "La tempistica...".


MESSINA - Una nuova inchiesta giudiziaria travolge la famiglia Genovese. A cominciare dal padre, Francantonio, ex deputato, per proseguire con il figlio, Luigi, neo deputato dell'assemblea regionale siciliana. Sotto sequestro è finito un patrimonio di 30 milioni di euro. La Procura indaga per riciclaggio.

I finanzieri di Messina hanno messo i sigilli a società di capitali, conti correnti, beni mobili ed immobili - compresa una villa a Ganzirri - e azioni riconducibili all'ex deputato e al figlio Luigi, appena eletto all'Ars con oltre 18 mila voti.

Le indagini hanno inizialmente consentito di trovare fondi esteri per un ammontare che supera i 16 milioni di euro, schermati prima con una polizza  associata a un conto svizzero aperto presso la società Credit Suisse Bermuda e poi trasferiti su un conto corrente a Montecarlo.

Genovese padre è stato condannato in primo grado a 11 anni di reclusione per lo scandalo della formazione professionale. Secondo i pm della Procura messinese, diretta da Maurizio De Lucia, l'ex deputato avrebbe cercato di evitare che i beni venissero colpiti da una misura patrimoniale trasferendo soldi e altro all'estero. Da qui anche l'ipotesi di evasione fiscale.

Quando l'istituto di credito svizzero fece sapere,  alla luce della sentenza penale, che non gradiva avere Francantonio Genovese fra i clienti l'ex deputato avrebbe trasferito i soldi a Montecarlo.

Nel frattempo, però, l'Agenzia delle entrate, nel 2016, presentò il conto per le tasse evase: 20 milioni di euro. A quel punto Genovese avrebbe fatto rientrare a Messina una parte del denaro. Infine, per evitare nuove conseguenze il patrimonio sarebbe stato trasferito ad alcuni parenti, compreso il figlio che ne ha raccolto l'eredità politica. Per mettere a punto le operazioni finanziarie si sarebbero serviti delle società schermo Ge.Fin srl (ora L&A Group) e Gepa srl.