Live Sicilia

La riunione dell’esecutivo

Ex Province: primo atto della giunta
Elezione diretta, scontro con Roma


Articolo letto 52.305 volte
elezione diretta, elezioni, governo, isole minori, musumeci, Province

La prima decisione del governo Musumeci è il ricorso alla Consulta contro l’impugnativa del governo Gentiloni.


PALERMO - La decisione ha anche un aspetto simbolico. Il primo atto della giunta di Musumeci è l’avvio di un braccio di ferro col governo nazionale guidato da Paolo Gentiloni. Un cambio di rotta. La Regione siciliana, infatti, ha deciso di presentare ricorso innanzi la Corte Costituzionale contro l’impugnativa di Palazzo Chigi sulla legge che ha reintrodotto la elezione diretta dei vertici delle ex Province.

Una legge approvata questa estate dall’Assemblea regionale e che aveva, di fatto, impresso alla questione siciliana delle ex Province una direzione opposta a quanto previsto dalla legge Delrio, reintroducendo, appunto, l’elezione diretta negli enti al posto di quelle di "secondo livello". Una scelta, quella di iniziare un contenzioso di fronte alla Consulta, si legge in una nota di Palazzo d’Orleans, assunta per “tutelare la potestà statutaria della Sicilia in materia di ordinamento degli Enti locali e per difendere il diritto dei cittadini ad eleggere i propri rappresentanti, anche a seguito del voto popolare sul referendum costituzionale dello scorso dicembre e, quindi, nel solco dei principi di democrazia diretta fatti propri dall'Unione Europea”.

C’è poi una novità anche di tipo amministrativo, tra le prime decisioni della giunta di governo “inaugurata” oggi: quella che prevede “la presentazione di un disegno di legge di iniziativa governativa per la istituzione, nell'ambito dell'assessorato alle Autonomie locali, di una specifica competenza per le Isole minori”. Questi i primi atti del governo Musumeci. Ma il lavoro, stando alla nota della Presidenza della Regione, non si ferma qui: domattina è prevista un’altra giunta “per l'esame di ulteriori atti urgenti”. Tra questi, una delibera che riguarderà il settore dei rifiuti e in particolare la discarica di Mazzarà Sant'Andrea.

E del resto, sono già vicinissime molte scadenze. Tra tutte, quelle relative all’approvazione del bilancio (quasi certamente si passerà dall’esercizio provvisorio), e quelle che riguardano le proroghe e le stabilizzazioni dei precari degli enti locali. Intanto, ecco il primo atto: il braccio di ferro con Roma sull’elezione diretta nelle ex Province.