Live Sicilia

Palermo

Precari della polizia municipale
Al via l'iter per la stabilizzazione


Articolo letto 3.399 volte

In 170 da gennaio prossimo potranno accedere ai benefici della legge Madia.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - L'anno nuovo potrebbe riservare la stabilizzazione per i 178 agenti della Polizia Municipale di Palermo che fino ad ora hanno lavorano part time con contratto quinquennale. E' questo ad oggi l'argomento sul tavolo della sesta commissione consiliare del Comune di Palermo. A dare la notizia sono il capogruppo di “Democratici e popolari” Francesco Scarpinato e l'assessore al Personale Gaspare Nicotri“In questi mesi abbiamo affrontato con molta attenzione l'argomento della carenza organica della nostra polizia Municipale e delle condizioni contrattuali dei vigili part time - dice oggi Scarpinato - abbiamo ascoltato anche il prezioso punto di vista del Comandante Vincenzo Messina. E oggi grazie alla legge Madia potremo presto trovare delle soluzioni concrete, almeno per chi ancora non ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato”.

Da gennaio 2018 entrerà effettivamente in vigore la normativa che regola la stabilizzazione dei precari della pubblica amministrazione e di questa potranno usufruire i 178 agenti che fanno parte di un bacino più ampio di lavoratori, quelli di “Palermo Lavora”. “L'assessore Nicotri ci ha illustrato l'iter - spiega Scarpinato - Intanto ha già presentato la relazione che indica il fabbisogno di personale per il biennio 2018/2020, un atto propedeutico per il prossimo bilancio di previsione. La documentazione è già stata inviata alla ragioneria generale e ora attendiamo i tempi tecnici per ricevere una risposta sulle coperture finanziarie. Sono ottimista, la nostra città ha bisogno di una forza di polizia più stabile, e la Municipale è il nostro fiore all'occhiello”. Anche Nicotri conferma: “La procedura è partita e se tutto andrà come deve, questi agenti potrebbero beneficiare di un contratto a tempo indeterminato. Il monte ore rimarrà invariato - sottolinea l'assessore - quindi non si tratterà di un inquadramento full time”.