Live Sicilia

Siracusa

Crollo a scuola: studentesse ferite
"Non c'è nessuna manutenzione"


Articolo letto 3.569 volte
, Cronaca, Siracusa

Classi pericolanti. Incidenti e rischi. "La situazione è disperata".

VOTA
0/5
0 voti

SIRACUSA- “Con i figli di mamma non si scherza”, è scosso il preside Giuseppe Mammano del liceo polivalente Quintiliano di Siracusa. Durante un’ora di lezione di Italiano, in un’aula di quarto liceo linguistico, non dovrebbero staccarsi “ampie porzioni” di tetto e cascare su un banco ferendo – per fortuna in modo lieve – due ragazze. E invece è quello che è successo stamattina nel suo istituto, un liceo a più indirizzi (classico, linguistico) tra i più grossi di Siracusa per popolazione scolastica. Le ragazze sono state accompagnate subito in ospedale. Solo ferite lievi per una, escoriazioni su fronte e braccio; soprattutto tanto spavento per l’altra. I vigili del fuoco, chiamati dalla scuola, hanno accertato il distacco di “una ampia porzione di intonaci dall’intradosso di un’aula”, la 52 del primo piano dell’edificio di via Tisia.

Nell’intervento, la squadra di pompieri ha rimosso anche “ulteriori parti di rivestimento dell’intradosso che erano in imminente pericolo di crollo”. I vigili del fuoco hanno anche comunicato a sindaco e commissario straordinario del Libero consorzio “di provvedere alla verifica di tutte le aule, certificando l’eventuale presenza di analoghe condizioni di precarietà”. L’edificio scolastico, come tutti quelli sotto l’egida della ex Provincia regionale, soffre di assenza di interventi di manutenzione da almeno due anni. È lo stesso preside a denunciarlo: “Va sottolineata - dice – la carenza d’interventi da parte della ex Provincia. Ho decine e decine di lettere scritte per chiedere interventi di vario tipo. L’ultima a ottobre. La risposta? Non ci sono fondi, la situazione è disperata, non sappiamo come fare. Ma con i figli di mamma – conclude - non si scherza”.