Live Sicilia

Caltanissetta

Uccise le figlie in un raptus
La nuova perizia psichiatrica


Articolo letto 4.535 volte
, Caltanissetta, Cronaca

La donna temeva di essere lasciata dal marito.

VOTA
0/5
0 voti

GELA (CALTANISSETTA) - Il gup del tribunale di Gela, Paolo Fiore, ha affidato allo psichiatra catanese, Carlo Monteleone, l'incarico di stabilire l'attuale pericolosità sociale di Giusy Savatta, l'insegnante gelese che il 27 dicembre del 2016 in una raptus di follia uccise le proprie figlie, Maria Sofia, di 9 anni, e Gaia, di 7, perché temeva di essere lasciata dal marito. La perizia, decisa nell'udienza odierna del processo con il rito abbreviato, si sarebbe resa necessaria in relazione alle misure accessorie di sicurezza che potrebbero essere adottate a supporto sia della eventuale condanna che di una ipotizzata assoluzione.

Giusy Savatta, infatti, attraverso una prima perizia collegiale, acquisita come prova definitiva in incidente probatorio, è stata giudicata incapace di intendere e di volere nel momento del duplice delitto, nonché incline a pericolose forme di autolesionismo fino al possibile suicidio. Per questo è stata ricoverata e curata finora nell'ospedale psichiatrico di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina). L'imputata oggi era presente in aula. Assente invece il marito, Vincenzo Trainito, anche lui insegnante, che si è costituito parte civile. Il perito ha chiesto 60 giorni di tempo per completare il proprio lavoro. L'udienza è stata perciò aggiornata al prossimo 28 marzo. (ANSA).