Live Sicilia

IL DIARIO

Il cammino di Sandro
sulla Via Francigena


Articolo letto 2.673 volte
cammino, cammino di santiago, magna via fancigena, pellegrinaggio, pellegrini, santiago di compostela, sicilia, sicilia bella, sicilia nascosta

Nove tappe, da Palermo ad Agrigento, 150 chilometri. Per guardarsi dentro e scoprire la Sicilia.

 

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Sandro Casuccio ha 45 anni e dieci mila chilometri sulle spalle. Anzi, nei piedi. Ha percorso il Cammino di Santiago di Compostela per dodici volte. Perché? Lo ha vissuto come "momento di ascolto e di crescita personale per migliorarsi passo dopo passo, continuamente". Il suo motto: "Si può attraversare l'oceano in barca a remi. Basta crederci e volerlo".

Laureato in Economia e Commercio a Palermo, "emigrato" a Milano nel 2001 è stato artefice della crescita sul mercato di una start up di successo e dirigente d’azienda. Adesso è consulente Sales&Marketing e Business&Life Coach.

cammina, cammina tanto lungo le Vie di San Francesco e degli Abati, e la Magna Via Francigena. Non tutti lo sanno, ma si può anche camminare in Sicilia. Il percorso, come si legge nel sito ufficiale, "inizia di fronte alla Cattedrale di Palermo e seguendo Corso Calatafimi raggiunge Monreale e la sua Cattedrale, camminando fianco a fianco con l’Itinerarium Rosaliae. Da qui, attraversata la valle, si supera la Conca d’Oro e si giunge alle colline di Santa Cristina Gela ed al lago di Piana degli Albanesi. La via prosegue per le distese di grano verso il Santuario di Tagliavia e verso Corleone, raggiunta la quale si inoltra verso Prizzi. Si entra nel borgo dei Sicani dopo aver girato attorno al lago artificiale e da qui si prosegue verso la Riserva Naturale di Monte Carcaci per giungere a Castronovo di Sicilia, centro geografico della Magna Via. Il percorso da qui segue il corso del fiume Platani, passando da Cammarata e San Giovanni Gemini, fino a tagliare la ferrovia, la Statale ed inerpicarsi verso la rocca di Sutera. Sotto la mole di San Paolino la via prosegue toccando i borghi rurali di Campofranco, Milena e Racalmuto e raggiunge il centro di Grotte, piccolo centro abitato dell’agrigentino. Le ultime tappe ci portano a superare il Platani e raggiungere il borgo minerario di Comitini e di Aragona per finire con il centro di Joppolo Giancaxio. L’ultimo tratto di campagna raggiunge la rocca imponente di Agrigento, la sua Rupe Atenea e si affaccia sul mar Mediterraneo e sulla Valle dei Templi.”

Livesicilia ha deciso di partire con Sandro. I piedi sono i suoi, come gli occhi. Ciò che vedrà lo condividerà con i nostri lettori. Ci racconterà ogni giorno il suo cammino con le parole e le fotografie dei luoghi nascosti della Sicilia. Una tappa al giorno. Nove in tutto, da Palermo ad Agrigento, per oltre 150 chilometri. Non resta che augurargli, anzi augurarci buon cammino.