Live Sicilia

Il caso Antoci

Crocetta contro Musumeci:
"Vergogna, vergogna, vergogna"


Articolo letto 38.833 volte
, Politica
Crocetta e Musumeci (foto d'archivio)

L'ex presidente della Regione sulla revoca: "Un segnale tremendo".


PALERMO- "Vergogna, Vergogna, Vergogna. E' quello che mi sento dire, rispetto alla mancata nomina a presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci. È un segnale tremendo, un vero e proprio gesto di tradimento istituzionale, nei confronti di un uomo che rischia la vita nella lotta contro la mafia". Così l'ex presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta commenta la decisione del Governatore Nello Musumeci. "Con Antoci - afferma Crocetta - abbiamo cacciato la mafia dai terreni dei Nebrodi, abbiamo risanato e rilanciato le politiche a favore del Parco. Tutto questo non conta è prevalsa la logica, non di decrocettizzare, ma quella di lottizzare".

"Ogni governo - prosegue - può scegliere i propri riferimenti ed io non contesterò, pur avendo il mio governo rispettato gli orientamenti politici di tutti i dirigenti, le nuove nomine. Ma non si dica più' che sono stati revocati i dirigenti di Crocetta. Non ho avuto nessun rapporto personale o politico con i dirigenti, ma soltanto un corretto rapporto istituzionale. Oggi è prevalsa l'illusoria idea di piazzare su basi spartitorie 'i propri referenti' in posizioni apicali". "Ai nuovi dirigenti - conclude - faccio gli auguri di buon lavoro, osservando che tanti di loro hanno la mia stima, ma che alcuni di loro si portano sulle spalle - non certamente per orientamento politico - storie di gestioni non condivisibili. A quanti hanno lavorato bene in questi anni e sono stati vittime di un'ingiustificata epurazione, la mia sincera solidarietà". (ANSA)