Live Sicilia

La lettera

"I fiori sulla tua cassa da morto"
Minacce razziste a Rubino


Articolo letto 11.943 volte

L'invito alle vittime di Macerata. E un inquietante biglietto.

VOTA
0/5
0 voti

Il tono è violento e non si presta ad equivoci: "Se inviti ancora quei bastardi a casa nostra, i fiori li metteranno sulla tua cassa da morto". Ecco il testo di una lettera minatoria indirizzata all'ex responsabile organizzativo regionale del Pd e ora leader dei 'partigiani' Antonio Rubino. La lettera - riferisce l'agenzia Ansa - è stata recapitata nella sede siciliana del Pd, a Palermo. Rubino ha denunciato l'episodio alla Digos che sta indagando.

E fin qui la cronaca di un evento che già di per sé attira una naturale e necessaria solidarietà. Chi conosce Antonio Rubino sa, oltretutto, che è un ragazzo perbene, appassionato di politica, uno che più spesso ci ha rimesso, nel conto benefici-costi della sua passione.


Ma perché quel riferimento all'invito, chi sarebbero i 'bastardi' del messaggio? Tutte le piste sono ovviamente aperte e non si possono anticipare conclusioni.

C'è però un particolare che è rimasto nelle pieghe delle cronache dei giorni scorsi e che potrebbe risultare interessante. Dopo i fatti di Macerata, dopo la folle escalation di Luca Traini, col ferimento di alcuni ragazzi migranti, i 'Partigiani del Pd' hanno rappresentato la massima vicinanza alle vittime.  Dei tulipani rossi sono stati inviati. A corredo c'era scritto: “Avremmo voluto essere in piazza per difendere voi, noi stessi e la nostra bandiera nazionale dalla violenza fascista, perché un fatto del genere non accada più. Le autorità locali hanno chiesto di evitare. Questi fiori valgono come segno della nostra vicinanza e della nostra volontà di riscattare l’Italia dalla barbarie in cui vorrebbero portarla. Quando starete meglio saremo felici di ospitarvi nella nostra Sicilia culla di civiltà e città dell’accoglienza per abbracciarvi di persona".

Che ci sia un legame? Che sia una reazione xenofoba? Possibile. E, in quel caso, la solidarietà andrebbe triplicata.

Le note di solidarietà a Rubino

"Tutta la mia solidarietà ad Antonio Rubino per la lettera di minacce che gli è stata recapitata oggi. La matrice di estrema destra della lettera mi pare fuori discussione: si tratta di una risposta all'invito fatto ai feriti di Macerata. Questa lettera conferma la presenza di un clima che, anche in una terra d'accoglienza come la Sicilia, si sta facendo pesante". Lo dice Fausto Raciti, segretario regionale Pd, dopo le minacce indirizzate ad Antonio Rubino, ex responsabile organizzativo regionale del Pd e ora leader dei 'partigiani'. Carmelo Miceli, segretario provinciale di Palermo del Pd parla di atto gravissimo, ignobile e vergognoso che dimostra come sia in atto un costante tentativo di intimidire le istituzioni, la democrazia e la libertà di espressione". Il capogruppo del Pd in consiglio comunale a Palermo, Dario Chinnici, dice che "la lettera con le minacce di morte ad Antonio Rubino è un gesto vile che condanno fermamente. Voglio mandare ad Antonio la solidarietà mia e di tutto il gruppo consiliare del Partito democratico".

Antonello Cracolici, parlamentare regionale del Pd, dice: "Nel nostro Paese qualcuno, in maniera spregiudicata ed irresponsabile, sta alimentando un clima di odio ed intolleranza che si allarga a macchia d'olio. Sono vicino ad Antonio Rubino, al quale è stato inviato un messaggio che di certo non intimorisce ma fa riflettere su quale sia lo scenario al quale rischiamo di andare incontro". Giuseppe Lupo, presidente del gruppo Pd all'Ars, dice: "Esprimo la mia solidarietà ad Antonio Rubino destinatario di una vile minaccia legata, a quanto si apprende, ad una sua giusta iniziativa dopo i fatti di Macerata. Questo episodio, legato a quanto è recentemente accaduto a Marsala dove una scritta inneggiante a Luca Traini è apparsa sui muri del palazzo che ospita la sede locale del Pd, conferma la necessità di non esasperare i toni di un dibattito che rischia di accendere pericolosi focolai in tutto il Paese". La deputata uscente Magda Culotta dice: "Il razzismo è un sentimento ignobile che va condannato in ogni sua forma. E se a questo si accompagnano anche delle minacce di morte, allora bisogna alzare la testa per arginare il pesante clima di intolleranza che si sta alimentando in tutto il Paese. Ad Antonio Rubino che certamente non si lascerà intimidire da questo vile atto, va tutta la mia vicinanza".

"Esprimo la mia solidarietà e il mio pieno sostegno ad Antonio Rubino per le vili minacce ricevute". Lo dice il senatore del Pd Giuseppe Lumia. "Il Partito democratico in cui crediamo - aggiunge - non ha paura di sostenere battaglie ideali contro ogni forma di razzismo e atti terroristici, come quello che si è consumato a Macerata". "Provare a intimidire o a minacciare - continua - è da vigliacchi. Il Pd anche su questo deve essere chiaro è netto e deve stare accanto a chi nei vari territori del nostro Paese si batte con passione per i valori dell'accoglienza e dell'integrazione". "Ad Antonio Rubino dico - conclude - vai avanti, questa battaglia la porteremo avanti in tanti e insieme".

"Tutta la solidarietà da Liberi e Uguali al compagno Antonio Rubino per le minacce di morte che gli sono state fatte con una vile lettera anonima. Sembra che l'intimidazione sia la risposta all'iniziativa di Rubino di invitare a Palermo le sei vittime di Macerata colpiti dal terrorista fascista Luca Traini. Questo conferma quanto sia giusto l'allarme che abbiamo lanciato e smentisce chi ha cercato di minimizzare se non addirittura negare i rigurgiti fascisti che si hanno in tutta Italia". Lo dice il comitato elettorale di Palermo di Liberi e Uguali.