Live Sicilia

LA MANIFESTAZIONE

Eni, sfiorato lo scontro a Gela
"È una guerra tra poveri"


eni, eni gela raffineria scontri, raffineria eni gela scontri, scontri raffineria gela, tensioni eni gela, tensioni gela, Caltanissetta, Cronaca

Tensioni ai cancelli della raffineria tra gli operai e i lavoratori dell'indotto.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Si è rischiato lo scontro, stamani ai cancelli della raffineria di Gela, tra lavoratori dell'impresa dell'indotto "Turco costruzioni", che da 15 giorni bloccano i cancelli della fabbrica per il licenziamento di 36 loro colleghi, e i dipendenti dell'Eni ai quali, sin dall'inizio dello sciopero, viene impedito di andare a lavorare. Il tentativo delle forze dell'ordine di creare un corridoio protetto per permettere l'ingresso in fabbrica, a piedi, del personale del "diretto" è cessato sul nascere perché nessun lavoratore ha inteso rischiare la reazione degli edili in lotta, che per la seconda giornata hanno avuto al loro fianco le mogli e i figli.

Il vescovo della diocesi, Rosario Gisana, incontrando ieri sera le maestranze in lotta, aveva richiamato i protagonisti a fare in modo che la giusta lotta non si trasformasse in "guerra tra poveri". Le segreterie provinciali di Cgil, Cisl e Uil hanno avuto un incontro con il prefetto di Caltanissetta, Maria Teresa Cucinotta, per per individuare la possibilità di collocare presso altre ditte i 36 operai licenziati della Turco costruzioni, considerata la disponibilità che sarebbe stata espressa da alcune aziende dell'indotto. A pochi giorni dalla seduta consiliare monotematica che si terrà venerdì, un vertice per fare il punto della situazione si è svolto in municipio tra il sindaco di Gela, Domenico Messinese, i dirigenti Eni della raffineria, i rappresentanti di Assindustria e Federcoop, i parlamentari della zona e il presidente del consiglio comunale. Assenti i sindacati che hanno definito superflue queste riunioni. (ANSA).