Live Sicilia

POLITICHE

Senato, guerra per l’ultimo seggio
Forza Italia contro i Cinquestelle


elezioni europee, elezioni politiche, elezioni politiche camera, elezioni politiche candidati m5s, elezioni politiche senato, elezioni politiche sicilia, Siracusa, Politica

Gli azzurri, dopo "l'overbooking" del M5s: "Alla Sicilia spettano 25 senatori, non possono essere presi da altre Regioni". A chi andrebbe.


SIRACUSA - Forza Italia rivendica il 25esimo seggio da senatore in Sicilia. Per gli azzurri spetterebbe al siracusano
Bruno Alicata, senatore uscente e candidato nel listino proporzionale in Sicilia Orientale. Per i berlusconiani è illegittimo cercare il venticinquesimo senatore in altre Regioni, dopo l’”overbooking” grillino, e si appella alla legge costituzionale che prevede per la Sicilia il numero di 25 senatori.

“Sì, la partita è assolutamente aperta - ha detto il diretto interessato - perché la nostra linea, condivisa da fior di giuristi, è che alla Sicilia spettino per legge costituzionale 25 senatori. Avendo i grillini esaurito i loro nomi, non hanno diritto ad alcunché, ed è come se non avessero candidato nessuno. Quindi il seggio va attribuito a chi ha, in questo caso, i maggiori resti, cioè a noi”.

Le speranze di Forza Italia e di Alicata poggiano su calcoli complicatissimi. Il resto, infatti, si ottiene sulla percentuale di voti (20,12 in Sicilia Orientale), in relazione al numero di seggi al proporzionale (che è 16). Il 20,12% di 16 è 3,2. A questa cifra va aggiunta una quota percentuale dell’1,69 ottenuto dalla quarta gamba del centrodestra, Noi con l’Italia Udc, che non essendo arrivata alla soglia del 3% “regala” la sua percentuale agli alleati della coalizione, in misura maggiore al partito che ha ottenuto più voti che è Fi. Facendo così in modo che quello di Forza Italia sia il resto maggiore.

Com’è noto il boom grillino in Sicilia nella consultazione elettorale di domenica 4 marzo ha mostrato questa anomalia nella legge elettorale: il M5s ha preso più voti rispetto al numero di candidati. Al Movimento pentastellato spettano 17 seggi dei 25 da senatore in Sicilia: 9 all’uninominale, 8 al proporzionale. Gli altri partiti, rimasti a zero nei collegi uninominali, hanno ottenuto senatori soltanto nel proporzionale: tre a Forza Italia, due al Partito democratico e uno a testa a Lega, Fratelli d’Italia e Liberi e Uguali.

Ma la 17esima grillina, Nunzia Catalfo, è stata eletta anche nell’uninominale e così il seggio dovrà essere riassegnato: solo che in Sicilia i candidati grillini sono stati eletti tutti. Si starebbe procedendo come per la Camera, nel collegio più vicino, che in questo caso sarebbe un collegio fuori dalla Sicilia. Qui l’appello di Forza Italia alla legge costituzionale, suggellato anche dall’intervento dell’esponente nazionale azzurro, Maurizio Gasparri che, ospite a Porta a Porta da Bruno Vespa, ha mostrato sicurezza sulla vicenda. “Abbiamo predisposto una memoria – ha detto Bruno Alicata – e l’abbiamo presentata all’ufficio elettorale presso la Corte d’Appello di Palermo, che è deputata alla proclamazione degli eletti”. E' la guerra per l'ultimo seggio.