Live Sicilia

Le Politiche

Il trionfo leghista a Lampedusa
"La gente è stanca, non ne può più"


Lampedusa Alessandro Pagano, Lampedusa Angela Maraventano, Lampedusa elezioni lega, Lampedusa Matteo Salvini, Lampedusa Piero Bartolo, Lampedusa sbarchi, lampedusa totò martello, Lampedusa vittoria salvini, Lampedusa voto salvini, Agrigento, Politica
Una protesta di migranti a Lampedusa

Matteo Salvini registra una percentuale altissima nell'isola degli sbarchi. Ecco perché.


Quante Lampedusa ci sono, sul mare che circonda un'Isola più immaginaria che reale, negli occhi e nelle orecchie di chi non la abita? C'è Lampedusa dopo la strage del 3 ottobre 2013, quando quasi quattrocento persone atrocemente morirono nel naufragio più imponente di tutti. La capitale della solidarietà e dell'accoglienza che si stringeva intorno alle vittime e confortava i sopravvissuti. Papa Francesco soffiò parole di indignata commozione. La politica indossò il vestito solenne del cordoglio. E in tanti giurarono che non sarebbe accaduto mai più.

C'è Lampedusa all'indomani delle elezioni del quattro marzo: quasi un avamposto salviniano. Una nota d'agenzia riassume i chiarissimi numeri: “Da 3 a 346 voti, più del doppio di quanti ne ha presi il Pd e l'intera coalizione di centrosinistra. La Lega fa il botto anche a Lampedusa: nell'ultimo lembo d'Italia, la campagna elettorale tutta incentrata sulla lotta all'immigrazione porta al movimento il 14,64%. Una crescita enorme per Matteo Salvini che cinque anni in questo territorio fa aveva racimolato uno 0,15% alla Camera e zero voti al Senato”.


Allora si sperimenta come una sensazione di incongruo sdoppiamento tra due distinti karma: la commossa apertura e l'aspra chiusura. O forse sono categorie celestiali e astratte che non vanno bene, poiché la terra è impastata di contraddizioni che tali appaiono, almeno, in superficie. I siciliani, le migrazioni e il vento del Nord nello stesso capitolo di un libro di cronaca e storia: comunque, qualcosa è accaduto.

Il sindaco di Lampedusa e Linosa, Totò Martello, dice la sua: “La gente è insofferente e non ce la fa più. Gli ultimi sbarchi, da settembre scorso, hanno creato problemi seri. Molte case sono state scassate, alcuni migranti girano ubriachi e danno fastidio. Io non ho niente contro nessuno. Voglio solo che ci sia una distinzione tra i rifugiati che sono perbene e i delinquenti. Desidero che ognuno venga trattato come merita. Abbiamo bisogno di regole”.

Dichiarazioni reiterate che hanno portato al divampare di una polemica mediatica tra l'attuale primo cittadino e l'ex 'sindaca', Giusi Nicolini, tessera risplendente del renzismo solidale che fu, tra accuse e diti puntati. Resta il fatto: Totò (che è uno col pedigree di sinistra) ha vinto le ultime amministrative, le stesse che hanno registrato il tonfo di Giusi, piazzata al terzo posto.

Alessandro Pagano, neodeputato e segretario dei salviniani per la Sicilia occidentale, offre una lettura politica degli eventi e, ovviamente, partigiana: “Laggiù abbiamo bravissimi ragazzi che operano sul territorio. Noi siamo un partito vero che affronta le questioni, non siamo mica i cinque stelle. Lampedusa subisce l'avanguardia di un'invasione e i risultati di un pensiero che ritiene di spalancare le braccia a milioni di stranieri, spingendo alla fame i propri cittadini”. Tutto, dunque, dipenderebbe dal disagio, parzialmente evocato da Martello. La Lega trionfante 'nell'ultimo lembo' etc etc sarebbe la risposta elettorale a uno strappo sociale concreto.

Ma poi c'è 'l'altra Lampedusa', la decalcomania di un popolo pronto a sbracciarsi per l'estraneo. C'è la perla di 'Fuocoammare', il film-documentario di Gianfranco Rosi, sul dramma degli sbarchi, che ha raccolto premi, incenso, elogi e critiche entusiastiche. Pietro Bartolo, medico, è uno dei più noti protagonisti della generosità. E' lui che cura i corpi che approdano, è lui che sistema i cadaveri, se occorre un gesto di pietà. Il dottore Bartolo ha ricusato la candidatura offerta da Leu “per restare in trincea”.

Adesso commenta: “Il successo della Lega, e non solo quello, nasce anche dalle cattive informazioni ed è facile abboccare. La gente è stanca, i giovani non hanno un'occupazione e c'è chi promette mari e monti, sfruttando il populismo e la protesta. Ma Lampedusa non è una realtà xenofoba o poco disponibile. Siamo stati i campioni del mondo d'accoglienza. Non so se, candidandomi io, le cose sarebbero cambiate, non sono un politico. Mi rispecchio nel progetto, nelle idee di 'Liberi e Uguali'”. Senza che si fossero messi d'accordo, le parole del dottore sono un'eco di quelle del sindaco: la gente non ne può più.

Angela Maraventano, invece, è la 'pasionaria' leghista del luogo, già vicesindaca, già senatrice della Lega Nord. Sulla voce di wikipedia a lei dedicata campeggia il motto: “Leghista sugnu”. E una notizia - come definirla - gustosa: “Ha proposto l'annessione di Lampedusa alla provincia di Bergamo”. “Per ora sono lontana - commenta - ma la realtà è sotto gli occhi di tutti. Ho chiamato molti amici che mi hanno detto: 'Votiamo per Salvini'. La gente è stanca, insofferente e non ne può più”. E tre: da fonti ideologicamente irriducibili.

Lampedusa, isola immaginaria, terra lontana, non facile da leggere con gli occhiali delle contrapposte parrocchie, ma forse semplicissima e coerente nell'offrire aiuto e nel chiederlo.

Lampedusa, patria di anime in crisi, tomba di uomini e donne che qui vennero a morire. I bambini scampati alla strage del 2013 narrarono lo spavento di quella notte, con la matita, i colori e un foglio. Quei disegni sono da qualche parte e hanno tutti lo stesso paesaggio. Una nave nera, esile, il mare blu, immenso, come la paura, ombre, a bordo, patetiche e sfuggenti. Ombre minuscole, bocche soffocate di cui nessuno ha sentito il grido finale. Nel muro d'acqua che tutto ricoprì, povere scalfitture di umanità.