Live Sicilia

Palermo

La nave deve essere 'allungata'
Operai Fincantieri all'opera


fincantieri, nave allungata a fincantieri palermo, nave palermo fincantieri, nave silversea, silversea, Economia, Palermo

L'unità dell'armatore Silversea si trova all'interno dei cantieri del capoluogo.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Oggi è cominciato il taglio di Silver Spirit, unità ultra lusso dell'armatore Silversea, che in queste settimane viene rinnovata da Fincantieri nel cantiere di Palermo. La nave sarà allungata attraverso l'inserimento di un troncone lungo 15 metri. Ci saranno così nuove cabine a bordo e nuovi ristoranti, e con l'occasione verranno ammodernate anche altre aree. Domani i lavori proseguiranno con l'inserimento del troncone aggiuntivo. Si proseguirà poi con la "ricomposizione" di tutti gli impianti e le attività di allestimento interno. Si tratta della prima operazione di questo genere su una nave ultra lusso, una referenza davvero prestigiosa per il cantiere di Palermo - dice Fincantieri - ormai specializzato in progetti analoghi dopo aver completato nel recente passato il progetto Rinascimento per MSC (4 navi da crociera allungate) e aver conquistato anche l'accordo per trasformare 2 cruise ferry di Grimaldi, che arriveranno nello stabilimento siciliano nei prossimi mesi. Silver Spirit, consegnata da Fincantieri ad Ancona nel 2009, attualmente ha una stazza lorda di 36.000 tonnellate e una lunghezza di 195 metri. Gli oltre 540 passeggeri vengono ospitati in 270 suite, tutte con vista sul mare distribuite sugli 8 ponti passeggeri.

"L'esperienza accumulata in questi anni da Fincantieri è diventata un punto di riferimento a livello mondiale per operazioni qualificate e sofisticate - come quella odierna di taglio e allungamento della Silver Spirit - che richiedono un alto livello tecnologico. L'Autorità portuale della Sicilia occidentale, presieduta da Pasqualino Monti, si è adoperata per supportare Fincantieri e assicurare la massima efficienza e sicurezza allo stabilimento di Palermo e, in particolare, al bacino di 400 mila TPL, dove vengono realizzati gli interventi di trasformazione/riparazione navale". E' quanto afferma l'autorità portuale di Palermo. "E' stato avviato un protocollo con Fincantieri per l'affido dei lavori di disotturazione del canale di scarico di soprappieno, in area limitrofa a Fincantieri, e per questo consistente intervento di miglioramento delle sottostrutture, è prevista una spesa di oltre 5 milioni di euro. Si è provveduto, inoltre, ad autorizzare opere ritenute prioritarie, quali la sostituzione delle scale di accesso al bacino di 400 mila Tpl mentre proprio in questi giorni è stato concesso l'utilizzo di un'area limitrofa al bacino per finalità logistiche legate alle commesse di trasformazione navale - aggiunge l'autorità portuale - Infine sono in corso i lavori propedeutici alla sistemazione definitiva del vicino bacino da 150 mila Tpl che consentirà alla Fincantieri di sviluppare e ampliare ulteriormente le attività di cantieristica navale ad alta specializzazione".

(ANSA).