Live Sicilia

La rivelazione de 'Il Mattino'

Il dialogo tra M5s e Quirinale
Due "pontieri" arrivano da Palermo


cinquestelle, di piazza e trizzino pontieri col quirinale, elezioni politiche, giorgio trizzino, Piersanti Mattarella, politiche 2018, sergio mattarella, Steni Di Piazza, trattative quirinale governo m5s, Politica

Il movimento punta sui vecchi amici del presidente: i neo parlamentari Di Piazza e Trizzino.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Il quotidiano 'Il Mattino' non ha dubbi: sono loro i due "pontieri" tra il Movimento cinque stelle e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, figura che sarà centrale nei prossimi giorni per dipanare la matassa di un possibile nuovo governo dopo le elezioni del 4 marzo.
Steni Di Piazza e Giorgio Trizzino, neo parlamentari palermitani, e concittadini di Mattarella, secondo il quotidiano campano sono le due pedine su cui il Movimento cinque stelle a guida Di Maio ha deciso di "investire nella difficile trattativa che si è aperta con il Quirinale".

I due, infatti, sono stati "amici e fidatissimi esponenti della corrente Dc di Piersanti e Sergio Mattarella". Secondo 'Il Mattino' il rapporto tra Di Piazza, eletto al Senato nel collegio uninominale di Palermo-San Lorenzo, e l'attuale Capo dello Stato nasce nei primi anni Novanta: in quel periodo Mattarella guida per un anno il ministero dell'Istruzione e il banchiere siede invece tra gli scranni del consiglio comunale di Palermo "nelle liste di quella Dc rinnovata della quale il presidente della Repubblica era stato commissario qualche anno prima". Trizzino - eletto alla Camera nel collegio uninominale Palermo-Libertà e attuale direttore dell'Ospedale dei Bambini di Palermo, fondatore della Samot - sarebbe stato "tra i più fidati amici e collaboratori"negli anni Settanta di Piersanti Mattarella, il presidente della Regione Siciliana ucciso dalla mafia il 6 gennaio del 1980.

S.C.