Live Sicilia

All'Ars

Via libera all'esercizio provvisorio
Musumeci: pronto a tornare al voto


ars esercizio provvisorio, ars esercizio provvisorio 2018, ars voto esercizio provvisorio, esercizio provvisorio, esercizio provvisorio ars, Politica

Sarà predisposto in giunta il ddl per la proroga. Il presidente: "Questo sarà il governo delle riforme. Ma non sono attaccato allo sgabello..."


PALERMO - È stata una lotta contro il tempo, ma alla fine il governo regionale "cede" all'Ars e rinvia la discussione della Finanziaria: stasera in giunta sarà predisposto il ddl di proroga per l'esercizio provvisorio fino al 30 aprile. Lo ha annunciato il presidente della Regione Nello Musumeci al termine della seduta del Parlamento regionale in cui è stato approvato, con appello nominale, il rendiconto per il 2016 rettificato in base al bilancio consolidato. Approvato dall'Aula anche il Defr 2018-2020 col voto contrario di Pd e M5s.  "Speravamo di fare tutto prima di Pasqua ma ci rendiamo conto che la finanziaria non è cosi semplice", aggiunge. La proroga era stata richiesta dal capogruppo del Pd Giuseppe Lupo nel pomeriggio, in conferenza dei capigruppo.

"Ho grande rispetto del lavoro dell'Aula e credo che il dibattito sulla finanziaria non possa essere strozzato e compresso", ha aggiunto Musumeci. "Prendiamo atto della richiesta del Parlamento - dice il governatore - e ci rendiamo conto che nella legge di stabilità ci sono 3-4 norme sulle quali occorre tempo per affrontarle, sono convinto che la manovra, se c'è la volontà, può essere approvata anche a metà aprile in modo così da lavorare poi alle riforme". Il ddl di proroga non appena approvato dalla giunta sarà trasmesso all'Ars per l'esame in commissione Bilancio e poi in aula. 

E a proposito di riforme, Musumeci lancia la sua proposta: "Questo deve essere il governo delle riforme, con quattro-cinque priorità, tra cui la modifica della legge elettorale. Poi, se vogliamo, possiamo anche discutere di andare a votare, io non sono attaccato allo sgabello. Come ho sempre detto sono il presidente della semina e non della raccolta". Non ne fa parola, ma è evidente che il presidente faccia riferimento anche ai problemi della sua coalizione: lo stesso Musumeci ha più volte ribadito di non avere più la maggioranza in Aula.