Live Sicilia

MESSINA

Concorso "su misura" al Policlinico
Quattro condanne e un'assoluzione


concorso policlinico messina, concorso truccato addetto stampa messina, messina concorso al policlinico truccato, policlinico messina concorso truccato, Cronaca, Messina

La selezione per l'addetto stampa. Tre giornaliste condannate, assolto l'ex direttore generale.

VOTA
0/5
0 voti

MESSINA - Si conclude con quattro condanne e un’assoluzione il processo di primo grado sul concorso bandito per l’addetto stampa dal Policlinico universitario di Messina nel 2011 sarebbe stato pilotato a favore dell’allora giornalista pubblicista Valeria Arena a discapito del giornalista professionista dell'Ansa Gianluca Rossellini. La Arena è stata condannata a un anno e 4 mesi di reclusione, all'interdizione dai pubblici uffici per 16 mesi, oltre al pagamento di una provvisionale di 6.000 euro e i danni nei confronti del giornalista Rossellini da liquidarsi in sede civile.

Un anno di reclusione e 12 mesi di interdizione inflitte alle giornaliste Alessandra Ziniti della redazione palermitana de La Repubblica e Laura Oddo, addetta stampa dell'Ismett, che facevano parte della commissione che assegnò l'incarico alla Arena, e la dirigente del nosocomio universitario Giuseppa Sturniolo. È stato invece assolto perché il fatto non sussiste l’ex direttore generale del Policlinico di Messina Giuseppe Pecoraro, difeso dall'avvocato Marcello Montalbano.