Live Sicilia

Canicattì

"Danni cerebrali a neonato"
Sospeso il risarcimento


, Agrigento, Cronaca

L'Asp di Agrigento si è appellata alla sentenza di primo grado.

VOTA
0/5
0 voti

CANICATTI' (AGRIGENTO) - E' stata sospesa dai giudici d'appello l'esecutività di una sentenza seguita a una richiesta risarcitoria per un presunto caso di malasanità verificatosi nel 2005 all'ospedale civile Barone Lombardo di Canicattì, dove un neonato riportò danni cerebrali gravi e irreversibili a causa di una presunta condotta negligente e poco prudente dei medici del reparto di ostetricia e ginecologia. Ad appellarsi alla sentenza di primo grado, l'ufficio legale dell'Azienda sanitaria provinciale di Agrigento che era stata condannata a un risarcimento danni di oltre 860 mila euro, più un vitalizio mensile di circa 650 euro. Il provvedimento risarcitorio è così sospeso dal pronunciamento della Corte d'appello di Palermo che ha valutato la fondatezza delle difese espresse dall'Asp, con riferimento sia ad alcuni aspetti tecnico-scientifici evidenziati nel ricorso sia a particolari profili giuridici sostenuti dalla recente giurisprudenza della Suprema corte. (ANSA)