Live Sicilia

Le cifre

I costi della campagna elettorale
Ars, quanto hanno speso i deputati


ars le spese dei 70 onorevoli, ars quanto hanno speso i deputati, ars spese elettorali, ars spese propaganda rendiconti, elezioni regionali sicilia spesa, finanziamento campagna elettorale, spese campagne elettorale, Politica

Come è stata finanziata la corsa dei 70 onorevoli verso Sala d'Ercole. Tutti i numeri e i dati.

VOTA
2/5
1 voto

PALERMO - Manifesti e cartelloni riempiono le città con i volti degli aspiranti onorevoli prima di ogni elezione, migliaia di "santini elettorali" vengono distribuiti dall'apparato politico e recentemente i volti dei candidati alle regionali hanno riempito i social con le pagine sponsorizzate. La propaganda politica, vecchia e nuova, costella, a ogni elezione, la vita dei cittadino. È anche da questa che dipendono le sorti di coloro che ce la faranno. Ma quanto hanno impiegato in comunicazione coloro che ce l'hanno fatta?

Stando alle ultime elezioni siciliane, ecco le cifre, deputato per deputato. Il candidato governatore del M5s Giancarlo Cancelleri, per esempio, è il deputato regionale che ha speso più soldi per la propaganda elettorale: 131 mila euro. Dietro di lui, il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè con 101,5 mila euro, seguito dal Presidente della Regione Nello Musumeci che ha speso 95 mila euro circa. I tre sul podio staccano di circa 50 mila euro il quarto: il forzista Orazio Ragusa che ha sostenuto spese per 42,6 mila euro.

Claudio Fava nella sua dichiarazione patrimoniale dell’anno 2017, ha scritto, nella sezione spese per propaganda, un rendiconto lapidario: “nessuna”. Dichiara così di non avere avuto spese. Quelli che hanno speso di meno sono i deputati del Movimento 5 Stelle. Fra questi, il grillino che ha impegnato più soldi è Antonino De Luca con 1523,5 euro, mentre Gianina Ciancio con 208 euro di spese elettorali è la deputata “più economica” della campagna elettorale grillina. Infine, non è disponibile l’allegato alla dichiarazione dove sono riportate le cifre spese da Luca Sammartino, Pd, recordman assoluto di preferenze. *(Sammartino fa sapere a Livesicilia di avere regolarmente presentato la dichiarazione e di avere speso 22.350 euro).

In totale, per la propaganda elettorale, si sono spesi 1,26 milioni di euro. Forza Italia il gruppo parlamentare che ha speso di più pagando 362 mila euro; secondo classificato con circa 218 mila euro di spese, il movimento del presidente Musumeci "Diventerà Bellissima". Ai deputati del Partito Democratico la comunicazione è costata 211 mila euro. Il Movimento 5 stelle ha affrontato la campagna elettorale con 142 mila euro circa. Tra i gruppi parlamentari minori, i sei deputati di Popolari e autonomisti – Idea Sicilia hanno impiegato 104 mila euro. L’Udc con cinque deputati ha dichiarato spese per 72 mila euro, a seguire, i quattro deputati del gruppo Misto (63 mila euro), Fratelli d’Italia con tre deputati (27 mila euro circa) infine, Sicilia Futura con due onorevoli ha speso 61 mila euro circa.

Tutti i dati sono indicati nelle dichiarazioni sulla situazione patrimoniale di ciascun deputato nell’anno passato. Non mancano le curiosità e i dati di costume. Diciannove pentastellati (tutti gli eletti escluso il candidato governatore) hanno speso complessivamente 11 mila euro. Nelle dichiarazioni dei grillini sono presenti quasi unicamente le spese per i “santini elettorali”, mentre sembrerebbe che i candidati degli altri partiti abbiano affrontato campagne mediatiche più 'abbondanti' con l’impiego di numerose risorse per manifesti e cartelloni. Anche nelle campagne di comunicazione più tradizionali poi intervengono le voci di spesa nuove come quelle per le sponsorizzazionei su Facebook. È il caso dell’onorevole e assessore Mimmo Turano che nel proprio rendiconto riporta ben dieci ricevute del social-network.

I costi della propaganda elettorale del coordinatore di Forza Italia Micciché, poi, sono stati sostenuti totalmente da contributi privati. I contributi maggiori? 25 mila euro sono arrivati da Caronte e Tourist e altri 25 sono giunti da Hydrotecne. La Campione industries ha versato a Miccichè 20 mila euro, 10 mila euro sono arrivati da Mondialpol mentre altri 10 mila dal partito. Cinquemila mila euro ciascuno hanno erogato Girgenti acque e Upi srl.

Anche il presidente Musumeci ha ricevuto contributi da parte di privati e imprese per la copertura dei costi della sua campagna elettorale. Tra quelli maggiori: 21 mila euro sono stati donati da privati e 74 mila euro da varie aziende. Tra queste ultime i maggioti contributi sono quelli di C.G. Costruzioni Srl (5 mila euro), Celertrasporti Srl (10mila euro), Trafime Spa (5 mila euro), Mondial security Spa (20 mila euro), Fittel Sicilia (10 mila euro), Catania port service Srl (7 mila euro).

Emergono donazioni da parte dei privati anche nelle dichiarazioni di Toto Cordaro, Riccardo Gallo, Bernadette Grasso e Giuseppe Milazzo. Considerando che nelle dichiarazioni patrimoniali sono riportate le spese non si può escludere che sia maggiore il numero dei deputati che abbiano raccolto dei contributi privati. Un’ultima curiosità la offre Giancarlo Cancelleri che nel documento sottolinea come per i costi indicati siano stati totalmente sostenuti per la campagna da leader del Movimento, mentre nulla è stato pagato per la campagna da candidato nel collegio di Caltanissetta.

1. Giancarlo Cancelleri, M5s - € 130.979,37 -

2. Gianfranco Miccichè, Forza Italia - € 101.500,00 -

3. Nello Musumeci, Diventerà Bellissima - € 94.951,46

4. Orazio Ragusa, Forza Italia - € 42.663,00

5. Baldo Gucciardi, Pd - € 40.577,16

6. Giuseppe Galluzzo, Diventerà Bellissima - € 38.257,34

7. Nicola D'Agostino, Sicilia Futura - € 36.313,89

8. Roberto Lagalla, Popolari e autonomisti - € 35.856,38

9. Luigi Genovese, Forza Italia - € 35.062,72

10. Stefano Pellegrino, Forza Italia - € 32.761,28

11. Alessandro Aricò, Diventerà Bellissima - € 31.956,34

12. Giuseppe Gennuso, Popolari e autonomisti - € 31.763,48

13. Antonello Cracolici, Pd - € 31.621,54

14. Rossana Cannata, Forza Italia - € 30.102,40

15. Cateno De Luca, Misto - € 29.295,64

16. Marianna Caronia, Forza Italia - € 29.228,22

17. Papale Alfio, Forza Italia - € 28.044,48

18. Vincenzo Figuccia, Udc - € 27.810,80

19. Luisa Lantieri, Pd - € 26.314,40

20. Giuseppe Zitelli, Diventerà Bellissima - € 25.412,11

21. Edmondo Tamajo, Sicilia futura - € 24.438,36

22. Riccardo Savona, Forza Italia - € 24.340,48

23. Giovanni Cafeo, Pd - € 23.027,40

24. Mimmo Turano, Udc - € 19.310,74

25. Nello Dipasquale, Pd - € 19.150,00

26. Michele Catanzaro, Pd - € 17.655,23

27. Giorgio Assenza, Diventerà Bellissima - € 17.107,40

28. Anthony Barbagallo, Pd - € 16.915,34

29. Totò Cordaro, Popolari e autonomisti - €16.569,13

30. Giuseppe Lupo, Pd - € 16.321,65

31. Elvira Amata, Fratelli d'Italia - € 16.000,00

32. Giuseppe Milazzo, Forza Italia - € 15.047,29

33. Riccardo Gallo, Forza Italia - € 15.000,00

34.Margherita La Rocca Ruvolo, Udc - € 14.000,00

35. Bernadette Grasso, Forza Italia - € 12.199,60

36. Marco Falcone, Forza Italia - € 11.879,32

37. Francesco De Domenico, Pd - € 10.721,80

38. Giusy Savarino, Diventerà Bellissima - € 10.026,50

39. Giuseppe Arancio, Pd - € 9.121,44

40. Carmelo Pullara, Popolari e autonomisti - € 8079,29

41. Tommaso Calderone, Forza Italia - € 8.068,32

42. Elenora Lo Curto, Udc - € 7.862,80

43. Giovanni Di Mauro, Popolari e autonomisti - € 7.280,00

44. Gaetano Galvagno, Fratelli d'Italia - € 7.001,04

45. Michele Mancuso, Forza Italia - € 5.500,00

46. Giuseppe Compagnone, Popolari e autonomisti - € 5.000,00

47. Tony Rizzotto, Misto - € 4.729,81

48. Giovanni Bulla, Udc - € 3.856,96

49. Antonio Catalfamo, Fratelli d'Italia - € 3.729,40

50. Antonino De Luca, M5s - € 1.523,50

51. Valentina Zafarana, M5s - € 1.357,20

52. Valentina Palmeri, M5s - € 1.318,20

53. Francesco Cappello, M5s - € 650,00

54. Stefania Campo, M5s - € 520,00

55. Stefano Zito, M5s - € 500,08

56. Nunzio Di Paola, M5s - € 485,39

57. Giorgio Pasqua, M5s - € 460,44

58. Salvatore Siragusa, M5s - € 460,00

59. Matteo Mangiacavallo, M5s - € 456,00

60. Elena Pagana, M5s - € 451,00

61. Sergio Tancredi, M5s - € 404,00

62. Roberta Schillaci, M5s - € 332,80

63. Luigi Sunseri, M5s - € 332,80

64. Giampiero Trizzino, M5s - € 332,00

65. Josè Marano, M5s - € 312,00

66. Angela Foti, M5s - € 300,00

67. Giovanni Di Caro, M5s - € 223,60

68. Gianina Ciancio, M5s - € 208,00

69. Luca Sammartino, Pd – Rimanda a un allegato non disponibile

70. Claudio Fava, Misto - Nessuna