Live Sicilia

Il lavoro

Croce Rossa, nuovi
posti di lavoro


croce rossa lavoro, croce rossa lavoro lampedusa, croce rossa offerte di lavoro, offerte di lavoro palermo, offerte di lavoro sicilia, Lavoro

Come partecipare.

VOTA
0/5
0 voti

L’associazione Croce Rossa Italiana assume a tempo determinato degli operatori da impiegare nel servizio RFL “Restoring Family Link”, che si occupa di ristabilire e mantenere i contatti fra i migranti e i familiari di cui si sono perse le tracce. Il termine per candidarsi è il 20 aprile. Gli assunti, il cui numero non è chiarito nell’avviso, saranno chiamati a lavorare un anno presso le sedi di Palermo, Catania e Messina con possibili trasferte e missioni in Italia e all’estero. La sede di lavoro sarà definita successivamente.

Coloro che vorranno aderire dovranno dimostrare di possedere un diploma di laurea in Scienze politiche, in Giurisprudenza o in Relazioni internazionali oppure ancora di avere una laurea un letterature straniere, mediazione linguistica o mediazione interculturale. È preferibile che i candidati, dopo la laurea, abbiano svolto studi sulla migrazione. In più sarà necessario conoscere l’inglese e, alternativamente, o il francese o l’arabo. Come può apparire chiaro la Croce Rossa indica tra i criteri preferenziali, il possesso di un esperienza pregressa nel settore. Il bando inoltre richiede il possesso di una patente di tipo B e la disponibilità a spostarsi sul territorio della regione (inclusa Lampedusa) anche con breve preavviso. 
I candidati dovranno inviare entro la data di scadenza il proprio curriculum all’indirizzo mail recruiting@cri.it, autorizzando la Cri al trattamento dei dati personali. Gli assunti si occuperanno della diffusione, fra i migranti, della conoscenza del servizio, del monitoraggio e dell’acquisizione dei dati rispetto ai casi che si presenteranno e dell’attività di instaurazione e mantenimento dei rapporti fra li attori umanitari operanti in Sicilia. Fra le altre mansioni, chi sarà assunto, sarà chiamato a relazionare alle autorità locali per attività di ricerca, di supporto ai ricongiungimenti familiari e di identificazione delle salme.