Live Sicilia

TRA AGRIGENTO E TRAPANI

Forza il blocco del Giro d'Italia
Investe un uomo: è gravissimo


giro d'italia incidente, incidente giro d'italia agrigento, incidente giro d'italia agrigento trapani, incidente giro d'italia deviata corsa, incidente mortale giro d'italia, incidente sul percorso del giro d'italia, Agrigento, Cronaca, Trapani
(Foto pubblica su Facebook di "La Repubblica delle biciclette")

Un'auto contro le transenne: guidava un 70enne, che è stato arrestato.


AGRIGENTO - 
Lesioni colpose gravissime e resistenza a pubblico ufficiale. E' per queste ipotesi di reato che è stato arrestato, dalla polizia Stradale, Gaetano Agozzino, 70 anni, di Agrigento, l'automobilista che era alla guida della Fiat Stilo che, stamani, all'altezza di contrada Maddalusa, ha travolto il motociclista al seguito del Giro: il quarantottenne di Sambuca di Sicilia che è rimasto gravemente ferito e che è ricoverato, in prognosi riservata, all'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta. 


L'auto ha forzato le transenne dell'Anas, invadendo la corsia del Giro d'Italia e investendo la moto su cui viaggiava l'uomo. Contrariamente a quanto riferito in un primo momento dall'Anas, e ribattuto dalle agenzie, l'uomo ferito non è morto ma è in condizioni gravissime. L'incidente stradale fra la moto, una Bmw Gls, e una Fiat Stilo ha obbligato gli organizzatori del 101/o Giro d'Italia di ciclismo, che oggi disputa la 5/a tappa, a modificare il percorso della Agrigento-Santa Ninfa (Trapani).

L'incidente si è verificato in prossimità del chilometro 0 della corsa rosa, ad Agrigento, dove è subito arrivato un elicottero. L'uomo investito è finito sull'asfalto per l'impatto con la Fiat Stilo, guidata da un agrigentino di 70 anni, ed è rimasto a terra; delle persone hanno tentato di rianimarlo. Trasferito, in elisoccorso, all'ospedale "Sant'Elia" di Caltanissetta, l'uomo è in condizioni disperate.

Stando alle prime ricostruzioni, la Fiat Stilo avrebbe forzato la chiusura di strada imposta, con tanto di transenne dall'Anas, lungo la statale. All'altezza del bivio per contrada Maddalusa, in territorio di Agrigento, così come in tutte le altre complanari, strade urbane e provinciali che si affacciano sulla statale Agrigento-Sciacca, l'Anas - su disposizione della polizia Stradale - ha collocato, sbarrando di fatto l'accesso, le transenne. Sul posto carabinieri e polizia stradale.

*Aggiornamento ore 17.50
E' in corso alla Procura di Agrigento, nella sezione di polizia giudiziaria dei carabinieri, l'audizione dei due dipendenti Anas che vigilavano sul varco violato dall'autista - un settantenne agrigentino - della Fiat Stilo che ha investito il motociclista del servizio d'ordine del Giro d'Italia, ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Grande collaborazione da parte dell'Anas che ha subito messo a disposizione dei pubblici ministeri Paola Vetro e Salvatore Vella, che è anche il procuratore aggiunto di Agrigento, le foto dei luoghi, sia quelle poco prima che quelle immediatamente dopo l'incidente. Pare che il settantenne fosse stato bloccato dagli operai dell'Anas. I dipendenti avrebbero, inizialmente, cercato di spiegare l'impossibilità a percorrere la statale che stava per essere attraversata dalla quinta tappa del Giro d'Italia. Ne sarebbe nato anche un alterco perché, a quanto pare, l'automobilista avrebbe continuato ad insistere. Poi - stando alle ricostruzioni della Procura della Repubblica di Agrigento - l'automobilista accelerando avrebbe invaso la statale dove sopraggiungeva, con una motocicletta, il commissario di gara: il quarantottenne di Sambuca di Sicilia (Ag). La posizione dell'automobilista, almeno in questa prima fase, è ancora al vaglio degli inquirenti.

"Ribadisco che la persona coinvolta nell'incidente odierno, ad Agrigento, non appartiene ad alcun titolo all'organizzazione del 101/o Giro d'Italia di ciclismo. E' stato un incidente stradale che ha solo ritardato di circa 15' la partenza della tappa: il percorso da Agrigento a Santa Ninfa non ha subito alcuna variazione". Così Mauro Vegni, direttore della corsa rosa.